full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Terza commissione, interrogazione in materia di smaltimento dei rifiuti

La discarica di Bellolampo

Municipio di Palermo
Terza commissione consiliare
Polizia urbana, annona e mercati, servizi a rete, cantiere municipale aziende municipalizzate.

Interrogazione (con risposta scritta)

Premesso che la III Commissione Consiliare ha tra le sue competenze le Aziende partecipate:
– è oggetto dell’attività della scrivente Commissione esprimere pareri sugli atti inerenti le società partecipate ed il controllo analogo;
– che gli scriventi nella qualità di consiglieri e di componenti della III Commissione Consiliare intendono acquisire tutti gli elementi utili per svolgere al meglio il loro ruolo istituzionale;

Si chiede di conoscere:
– Da chi siano gestite le prime 4 vasche di Bellolampo, con quali risorse e con quale personale;
– Quali siano le potenzialità e la durata prevista per la sesta vasca;
– Da chi siano gestiti i rapporti con le Società che estraggono il Biogas;
– Quali siano queste società;
– In virtù di quali provvedimenti siano abilitate all’estrazione del Biogas;
– A quanto ammontino le entrate connesse con l’estrazione;
– Chi sia il beneficiario di queste entrate;
– Se l’Amministrazione non ritenga percorribile un processo anaerobico per il compostaggio che possa consentire anche lo sfruttamento del biogas che con il processo aerobico andrebbe invece perduto;
– Come viene smaltito l’eternit, quante siano le tonnellate, quali siano i costi di smaltimento e quale soggetto si occupa di questa attività, dove viene conferito l’eternit;
– In quale fase sia la bonifica del Parco Cassarà;
– Quale sia la reale condizione della quinta vasca di Bellolampo e se sussistano su questa delle problematiche di sicurezza in caso affermativo quali siano le azioni che l’Amministrazione ha programmato e stia ponendo in essere per la messa in sicurezza della stessa ;
– Chi si occupi del monitoraggio del percolato per la prevenzione dell’inquinamento delle falde acquifere;
– Chi si occupi del trattamento dei rifiuti prima del conferimento in discarica e con quali modalità;
– Appreso che spesso gli sfabbricidi derivati da lavori edili vengono gettati nei normali cassonetti, a quale processo vanno incontro nel momento in cui giungono in discarica;
– In quale luogo e con quali tecnologie vengano lavati i mezzi in uso alla Rap;
– Se siano state istituite delle isole ecologiche, in caso positivo dove siano e quante siano, in caso contrario quali siano le ragioni della mancata istituzione obbligatoria in quanto prevista dal regolamento TARI (art. 10 comma 3 lettera e), approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 254 del 26/09/2014 che prevede una diminuzione del 30% della tassa per chi differenzia presso le isole ecologiche;
– Quali investimenti per la realizzazione di nuove tecnologie non inquinanti per lo smaltimento rifiuti, vedi fiamma al plasma o pirolizzatori o altro, l’Amministrazione e/o l’Azienda stanno ponendo in essere al fine di non continuare ad operare in emergenza, di non continuare a sfruttare il territorio, di poter trasformare in fonte di guadagno i rifiuti urbani.

I firmatari Consiglieri della III Commissione Consiliare:

Nadia Spallitta, Serena Bonvissuto, Angelo Figuccia, Luisa La Colla

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits