full screen background image
Search
domenica, 26 marzo 2017
  • :
  • :

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Gds | La Corte dei conti striglia il Comune «Nel 2012 a un passo dal default»

corte dei conti

Per leggere l’articolo in pdf clicca qui

La Corte dei conti striglia il Comune «Nel 2012 a un passo dal default» Per la magistratura contabile, nel 2012 il Comune era più che probabilmente in default. Con tre fitte delibere la Corte dei conti bacchetta forte sui rendiconti 2012 e 2013, ne discute importi e destinazioni in entrata e uscita. Il Comune risponde e assicura correttivi, tessuti dentro la proposta di delibera all’ordine del giorno a sala delle Lapidi ieri sera e oggi, termine perentorio di approvazione.

E in consiglio la miccia arriva sotto ciascuna delle poste contestate. Nel metodo e nel merito, dicono le opposizioni: nel metodo perché – l’opinione condivisa dalla vicepresidente Nadia Spallitta e dal capogruppo forzista Giulio Tantillo – «il testo è arrivato in commissione soltanto 48 ore prima della scadenza del termine».

E nel merito: la Corte passa «dalle censure – dice Spallitta – sul disallineamento fra crediti e debiti delle partecipate al peso finanziario attribuito ai pignoramenti, fino all’impegno del Comune nel contribuire alla cassa integrazione degli operai ex Gesip. Ancora, il disavanzo per le previsioni di incasso delle multe stradali, fino ai debiti fuori bilancio, che registrano impegni per 44 milioni soltanto per il 2013 e, dato fresco questo, 32 per il 2014». La vicepresidente è stata fra i consiglieri che in mattinata in commissione ha incontrato l’assessore al Bilancio Luciano Abbonato, che ha cercato (e in parte trovato) il placet informale.

Tantillo, invece, non transige: «Devono spiegarci tante cose. Sono disposto a essere convocato in consiglio anche di domenica, ma le carte vanno studiate e ciascuno deve assumersi le proprie responsabilità». E subito inoltra la richiesta al presidente Totò Orlando di aggiornare la seduta per consentire un confronto fuori aula con gli altri esponenti dell’opposizione. Seduta rinviata, proprio a domenica.

Firma anche altre due note, il capogruppo di Forza Italia: la richiesta di una riunione con i presidenti delle partecipate, il ragioniere generale, il segretario generale e il dirigente d’area; e la convocazione tempestiva di una conferenza dei capigruppo. «La delibera non passa prima che la si possa leggere e contestare», dice. Abbonato commenta così: «La Corte dei conti sta recuperando, mettendolo a regime, l’intero esame del pregresso. È attività routinaria che non può prescindere dall’approvazione del consiglio comunale. E il Comune ha dato ampie garanzie sui correttivi».




One thought on “Gds | La Corte dei conti striglia il Comune «Nel 2012 a un passo dal default»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits