full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

SPALLITTA: Piano casa – Si escludano alcune zone dall’applicazione della legge.

nadia_foto_nuova.jpg
nadia_foto_nuova.jpg<<La Commissione Urbanistica convoca per domani (mercoledì 21 luglio ore 9,00) gli ordini professionali e le associazioni di tutela del territorio, per discutere sulla proposta di delibera relativa all’applicazione per il Comune di Palermo della legge regionale 6/2010 recante norme per il sostegno e l’attività edilizia e riqualificazione del patrimonio (cosiddetto PIANO CASA). La proposta arriva in Commissione poco prima dello scadere del termine dato ai Consigli comunali per adeguare la legge alle specifiche condizioni del territorio, riducendo conseguentemente i tempi per un dibattito approfondito su un argomento così delicato quale quello relativo all’uso e consumo del territorio.
In particolare, la Regione nel consentire l’ampliamento fino al 35% del volume esistente e nel prevedere la possibilità di demolire e ricostruire, non ha escluso dall’applicazione della legge talune zone che, soprattutto per il territorio palermitano già fortemente edificato, sono invece strategiche e devono essere salvaguardate, sia per assicurare il rispetto degli standard urbanistici, sia per garantire ipotesi di sviluppo del territorio secondo una visione razionale e organica dello stesso. Ci si riferisce, in particolare, alle zone collinari che circondano la città, agli scampoli di verde agricolo residui, al verde pubblico e agli spazi per i servizi, ai siti di interesse comunitario (SIC), alle zone sottoposte a vincoli paesaggistici, ed inoltre agli immobili classificati come netto storico al di fuori delle zone A, nonché alle aree sottoposte a vincolo idrogeologico per rischi di frane e crolli (voci  queste ultime condivise anche dall’assessorato all’Urbanistica proponente).  In altre parole, se la proposta con gli emendamenti suggeriti da alcuni esponenti della Commissione urbanistica non dovesse essere approvata, potrebbe darsi corso a migliaia di piccoli interventi che, se singolarmente considerati non avrebbero probabilmente rilevanza urbanistica, ma che nel loro complesso potrebbero rappresentare un ulteriore e incidente danno al territorio e all’ambiente, con ingiustificabile riduzione del verde. A ciò si aggiunga che la legge da un lato non risolve nessuno dei problemi alloggiativi della città, poiché consente l’ampliamento a chi possiede già la casa, dall’altro contribuisce – senza utilità – alla cementificazione del nostro già provato territorio>>.


Nadia Spallitta – presidente della Commissione Urbanistica




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits