full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Interrogazione – Manifestazione culturale Kals’Art.

Pubblichiamo il testo dell’interrogazione che ho presentato per avere dei chiarimenti sulla "manifestazione culturale Kals’Art".

 

Nadia Spallitta

 

 

COMUNE DI PALERMO
"CITTA’ PER LA PACE"
GRUPPO CONSILIARE
UN’ALTRA STORIA
Piazza Pretoria n. 1 – 90100 Palermo
Telefono: 091740-2273/2276 –  Fax: 0917402290
Un’altrastoria@comune.palermo.it

 AL SIG. SINDACO
    
Interrogazione con risposta scritta

Prot. 140                                             Palermo, 19 luglio 2010

Oggetto:  Manifestazione culturale  Kals’Art.
-Chiarimenti-
      
     Premesso che
– le finalità di promozione e diffusione della cultura rientrano tra le attività istituzionali del Comune di Palermo, ai sensi dell’art. 2 dello Statuto Comunale;

 

– l’art 4 dello Statuto Comunale impegna l’Amministrazione a realizzare le finalità di cui sopra attraverso gli strumenti della programmazione e “avvalendosi dell’apporto delle formazioni sociali, economiche e culturali che operano nel proprio territorio e del contributo di tutti i cittadini”;
– la manifestazione Kals’Art è stata istituita dall’Amministrazione comunale allo scopo di sostenere una politica culturale che investendo nel centro storico riuscisse a trasformare zone degradate come la Kalsa in un vitale centro culturale e di richiamo per i giovani capace di promuovere a livello internazionale l’immagine della città di Palermo;
– le modalità di organizzazione della manifestazione Kals’Art  e lo stesso uso del logo  che la rappresenta, rendendola riconoscibile al pubblico, sembrano non rispondere ai richiesti requisiti di correttezza e trasparenza dell’azione amministrativa ed in violazione dei principi sulla concorrenza del mercato, condizioni poste in essere dall’ordinamento giuridico al  fine di  garantire il perseguimento dell’interesse pubblico.

     Vista
La Delibera di G.M. n. 273 del  11/12/2009 con cui l’Amministrazione comunale cedeva per l’anno 2009 “la titolarità della manifestazione Kals’Art Winter alla Regione Siciliana Assessorato Turismo, Comunicazione e Trasporti, che la stessa realizzerà direttamente con un  apposito progetto artistico, redatto in collaborazione con l’Amministrazione comunale”.

     
     Rilevato che
La suddetta Delibera di G.M. n. 273 mette in evidenza che  “Kals’ Art Winter è l’edizione invernale della più nota rassegna estiva che ogni anno coinvolge la città antica e che fa cornice ad iniziative quali animazione, spettacoli musicali, teatrali, visite guidate e aperture di siti di interesse turistico-culturale, le quali vogliono coniugare l’intrattenimento con la valorizzazione dei beni culturale presenti sul territorio cittadino e che l’iniziativa  Kals’ Art Winter si prefigge lo scopo del rilancio culturale ed artistico per la città e andrà ad ispirare ulteriori percorsi creativi e di impatto mediatico”.

     Considerato che
– A fronte del finanziamento stanziato dalla Regione Sicilia per la suddetta manifestazione Kals’ Art.,  l’Amministrazione Comunale non ha dato indicazioni certe circa i criteri e le modalità di selezione dei progetti o proposte di eventi da realizzare nel territorio cittadino.
– Ad eccezione della suddetta deliberazione di G.M. non sono disponibili sul sito istituzionale atti (Deliberazioni e Determinazioni degli organi istituzionali e/o  Determinazioni Dirigenziali) relativi alle diverse  fasi di progettazione e realizzazione delle manifestazioni di Kals’Art (nella duplice versione estiva ed invernale) che si sono succedute nel tempo né informazioni puntuali sui relativi programmi, al di là delle dichiarazioni di intenti dei comunicati stampa.
– Il logo di Kals’Art  ormai da diversi anni imperversa nella sponsorizzazione degli eventi culturali della città di Palermo e da tempo anche nella promozione di aperitivi e serate danzanti dell’estate cool palermitana che sembrano avere poco a che vedere con il prefissato “rilancio culturale ed artistico per la città”.

Alla luce di quanto sopra
SI CHIEDE DI CONOSCERE
1) L’anno in cui l’Amministrazione Comunale di Palermo ha dato vita alla manifestazione Kals’Art  e la durata della stessa;
2) Se la manifestazione, ed il relativo logo, è stata progettata dagli Uffici preposti dell’Amministrazione Comunale o da consulenti esterni o a seguito dell’indizione di apposito concorso d’idee, di avvisi pubblici, bandi di gara, trattative private o altre modalità, dei cui atti deliberativi, amministrativi e contabili si chiede copia in riferimento a ciascun anno di realizzazione della manifestazione;
3) I bandi di gara, e/o avvisi pubblici, e/o trattative private e/o ulteriori modalità adottate per la messa in opera del progetto culturale, di volta in volta articolato in diverse iniziative, dalla data di avvio della manifestazione ad oggi;
4) I criteri adottati per la scelta tra le diverse iniziative a concorso e per la verifica della congruità dei costi, con particolare riferimento agli anni 2007-2010;
5) I Responsabili del provvedimento e del procedimento preposti alla scelta tra le diverse iniziative a concorso, dei cui atti deliberativi si chiede copia, con particolare riferimento agli anni 2007/2010;
6) Il programma della manifestazione Kals’Art stilato per ciascun anno in cui è stata realizzata, con particolare riferimento agli anni 2007/2010;
7) I costi della manifestazione (articolati per le diverse iniziative e distinti per voce di spesa), sostenuti per ciascuna annualità, con particolare riferimento agli anni 2007/2010;
8) I fondi destinati al finanziamento delle manifestazioni di Kals’Art, distinte per anno (nella duplice versione estate / inverno) e per tipologia di fondi utilizzati, con particolare riferimento agli anni 2007/2010;
9) Nel caso di utilizzo di fondi regionali si chiede copia  degli ordini di accreditamento e delle Determinazioni Dirigenziali di liquidazione e pagamento;
10) Nel caso di utilizzo di fondi comunali si chiede: i capitoli di bilancio di entrata e di uscita, copia delle Determinazioni Dirigenziali di liquidazione e pagamento ed  il numero di riferimento dei relativi mandati di pagamento;
11) Il Responsabile dell’Ufficio Grandi Manifestazioni Cittadine.
  
   Considerato inoltre che
– l’esigenza di valorizzare il patrimonio storico, artistico e culturale induce sempre più la Pubblica Amministrazione a stimolare interventi da parte dei privati, ad esempio, attraverso forme di sponsorizzazione;
– la sponsorizzazione è uno strumento pubblicitario in quanto la diffusione di messaggi promozionali, relativi ad un prodotto o ad un marchio, sono collegati ad un evento il cui rilievo determina l’efficacia della promozione commerciale e quindi l’entità del profitto privato che ne deriva;
– dall’abbinamento di un logo/marchio ad una manifestazione o evento culturale di portata internazionale come il Kals’Art scaturisce la conseguente promozione del marchio stesso collegato all’evento il cui rilievo, nei termini di prestigio o di popolarità, determina un indubbio vantaggio economico per il titolare del brand.

Si chiede di conoscere:
a) Il soggetto titolare del logo/marchio;
b) l’anno di deposito e registrazione degli stessi;
c) il nominativo del titolare del dominio internet;
d) se trattasi di soggetti che hanno avuto rapporti pregressi con il comune di Palermo, in caso affermativo, si chiede copia:
o  degli atti deliberativi di affidamento e/o dei bandi di gara e dei relativi verbali,
o del contratto stipulato;
o delle Determinazioni Dirigenziali di liquidazione e pagamento.
e) A che titolo privati hanno provveduto alla registrazione del marchio/logo Kals’Art in luogo del comune di Palermo e se il comune di Palermo ha avviato una causa legale ad eventuale tutela dello stesso;
f) se esiste un contratto stipulato tra il comune di Palermo ed i titolari del marchio/logo che disciplina l’uso del brand di Kals’Art di cui, eventualmente, si chiede copia;
g) se è stato pattuito un corrispettivo per l’uso esclusivo  (o per altra tipologia di uso) del marchio/logo di Kals’Art  e l’entità dello stesso, dei cui atti si chiede copia;
h) se in occasione di eventi di natura mondana che fanno uso del marchio/logo di Kals’Art è previsto il pagamento di un corrispettivo all’Amministrazione comunale o ai privati  titolari per l’utilizzo del brand;
i) se esiste un Ufficio comunale preposto al controllo dell’uso del brand di Kals’art;
j) se nel comune di Palermo esiste una regolamentazione dei contratti di sponsorizzazione;
k) se i titolari del brand di Kals’Art corrispondono un compenso al comune di Palermo per il vantaggio economico che traggono dal collegare il loro logo/marchio ad un evento culturale pubblico di rilevanza internazionale;
l) se la gestione di servizi (bar, ristorazione o altro) all’interno delle strutture del patrimonio culturale del comune coinvolte nelle manifestazioni di Kals’Art  sono state  date in affidamento a privati (ad esempio, i locali dell’Ex deposito delle locomotive a Sant’Erasmo);
m) in caso di risposta affermativa, si chiede di conoscere se è stato fatto ricorso ad avviso pubblico o a bando o a trattativa privata o ad altre modalità per l’affidamento del servizio, in riferimento al quale si chiede copia degli atti della gara (bandi, ditte partecipanti, verbali, eventuali ricorsi delle ditte escluse);
n) il nome della ditta che si è aggiudicato l’affidamento della gestione del servizio, nonché copia del relativo contratto stipulato da cui si possa evincere anche l’entità del corrispettivo al Comune per l’affidamento della struttura;
o) il Responsabile del procedimento nelle varie fasi della procedura di affidamento del servizio, soprattutto in relazione alla valutazione della congruità del corrispettivo, dei cui atti si chiede copia, con particolare riferimento agli anni 2007/2010;
p) il Responsabile del provvedimento di affidamento della gestione del servizio.

 
     

            LA CAPOGRUPPO
                                               

 

Nadia Spallitta

                               




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits