full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

SPALLITTA: Manutenzioni scolastiche – Si riduca il contratto di servizio con l’AMIA …

scuola-precari.jpg

scuola-precari.jpgSPALLITTA: Manutenzioni scolastiche – Si riduca il contratto di servizio con l’AMIA e si destinino le somme alle scuole.

 <<Investire nella Scuola vuol dire avere la cuore lo sviluppo di uno Stato democratico, le cui fondamenta passano attraverso la cultura e la conoscenza. L’istruzione è un elemento indispensabile posto a garanzia e base delle libertà democratiche. In Italia, le scelte del governo nazionale e le politiche locali, sono invece tutte indirizzate verso la distruzione della Scuola, ed infatti il contenimento della spesa pubblica è assolutamente inaccettabile se riduce e non garantisce i servizi scolastici essenziali, ed anzi determina l’impossibilità di funzionare e di assicurare la qualità minima dei servizi. In questo senso non è condivisibile, ed appare pericoloso, il sistematico taglio agli organici del personale docente e non docente, la cui presenza ed esperienza sono indispensabili per il buon andamento dell’anno scolastico e per la formazione degli studenti.

Non sono da meno le amministrazioni locali – il Comune di Palermo in particolare – che viola sistematicamente i più elementari principi di buona amministrazione, e piuttosto che investire nella Scuola, assicurando tra l’altro la sicurezza degli impianti e l’agibilità degli edifici, spreca in altri settori di minore rilevanza sociale e culturale ,il denaro pubblico. Mancano infatti le risorse necessarie per garantire la manutenzione degli edifici scolastici che versano spesso in condizioni di degrado e abbandono, tali da mettere a rischio la stessa salute e incolumità del personale e degli studenti. E’ indubbio che in sede di riassestamento del bilancio, dovrà essere prioritaria la scelta rivolta all’impinguamento dei capitoli relativi alla manutenzione scolastica, trattandosi di servizi primari ed essenziali. A tal fine, proporrò la riduzione del contratto di servizio con l’Amia – che oggi stanzia ben 17 milioni di euro per il rifacimento del manto stradale – per destinare le risorse indispensabili agli interventi più urgenti (circa 6 milioni di euro) da impiegare per l’edilizia scolastica>>.
Nadia Spallitta – capogruppo di Un’Altra Storia




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits