full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Piano da 7 mila case…

Piano da 7 mila case. Il Comune : <<tutte da costruire>>

 

Settemila (e 200) nuovi alloggi in città per soddisfare il fabbisogno abitativo. E “nuovi” non è una parola casuale. Perché l’intenzione del Comune è quella di realizzare ex novo quegli appartamenti, in aree oggi libere. <<Recuperare l’esistente inutilizzato richiederebbe tempi più lunghi e costi ben più alti>> ha ammesso ieri Giulio Tantillo, capogruppo di Forza Italia e componente della commissione Urbanistica.
Quella stessa commissione che ieri mattina a Sala delle Lapidi ha organizzato un incontro con le organizzazioni di categoria e ambientaliste  per raccogliere segnalazioni e proposte sul piano di edilizia economica e popolare (il tanto discusso Peep) che la settimana prossima approderà in aula per un voto atteso da anni. Da una parte Legacoop e ordini professionali, Confindustria e costruttori a sottolineare l’esigenza di sbloccare il piano per soddisfare le richieste e rimetter in modo l’economia. Dall’altra le associazioni ambientaliste a paventare il rischio di un assalto al poco verde rimasto in città. Rischi quest’ultimo sottolineato anche dalla opposizione di centrosinistra. Che plaude all’iniziativa di ieri…e chiede il disco rosso al cemento sulle aree di verde agricolo. E per bocca del gruppo Un’Altra Storia, punta il dito contro i numeri della delibera e quei 7.200 alloggi figli di un censimento vecchio ormai di 18 anni : secondo Antonella Monastra e Nadia Spallitta, infatti, quel fabbisogno sarebbe oggi notevolmente più basso…(continua)




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits