full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Palermo – Smog, di nuovo le targhe alterne ma i mezzi pubblici non bastano

PALERMO – La segnaletica è stata installata, i controlli sono operativi. Il problema sono i dati delle centraline antismog, ora latitanti per i frequenti guasti alle postazioni, ora con risultati sconfortanti. Le targhe alterne sono tornate a cadenzare il calendario dei palermitani e, naturalmente, ad suscitare polemiche.
Per Nadia Spallitta, capogruppo di Un’Altra Storia, si tratta di un provvedimento “illegittimo oltreché inutile, idoneo casomai ad arrecare danno alle economie locali e a rendere ancora più invivibile la città”. Per la consigliera, la delibera è “elusiva dell’obbligo di adozione del Put ed è stato accertato che non potrà ridurre il tasso di inquinamento ambientale che deriva da numerose altre fonti”.

Chiede invece la modifica del provvedimento Lillo Vizzini, segretario regionale di Federconsumatori, alla luce soprattutto dei disagi patiti da chi abita in periferia. Alle limitazioni al traffico veicolare, infatti, non è corrisposto un aumento delle corse degli autobus. Di conseguenza, chi abita in periferia “è costretto a rischiare di essere multato per poter sbrigare le faccende quotidiane”. Non piace neppure l’estensione delle limitazioni alla Favorita: “Tutto il traffico – spiega Vizzini – si è riversato in via Imperatore Federico e Piazza  Leoni, ridotte a un tappeto di macchine e dall’aria irrespirabile. Senza una riprogrammazione dei tempi della città potenziamento dei trasporti pubblici e riduzione dell’area interessata, il provvedimento provocherà un attacco di nevrosi collettivo”.

Intanto, Legambiente Sicilia Wwf Palermo hanno presentato un esposto-denuncia alla Procura della Repubblica di Palermo perché accerti la configurabilità del reato di omissione di atti d’ufficio, per gli “inadempimenti” da parte del Comune di Palermo oltreché della Regione Siciliana, “che mantengono irrisolto lo stato di emergenza ambientale da inquinamento dell’aria”, dichiarato con decreto del presidente del Consiglio dei Ministri del 18 ottobre 2002. Dal canto suo, l’assessore all’Ambiente, Mario Parlavecchio, nei giorni scorsi ha ribadito che il provvedimento farà solo da apripista alle Ztl, che ritorneranno non appena verrà approvato il Put, ed ha annunciato l’avvio di controlli a tappeto sulle caldaie, in collaborazione con Amg. Per i privati sono previsti prezzi calmierati. Peccato che molti abbiano fatto controllare gli impianti domestici all’inizio della stagione invernale.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits