full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

MeridioNews | Spallitta e la mancata rivoluzione di Orlando “Gestione poco adeguata e trasparente”

spallitta meridionews 22 ottobre 2015

«Non posso esprimere un giudizio totalmente negativo su Orlando ma devo riscontrare alcune criticità nella gestione della macchina amministrativa e, in particolare, nella mancata trasparenza delle partecipate». Non usa giri di parole la vicepresidente del Consiglio comunale di Palermo, Nadia Spallitta, che dopo l’uscita dal movimento guidato dal sindaco Leoluca Orlando, ora all’opposizione tra le fila del Pd, punta il dito contro il primo cittadino e la sua gestione. Per Spallitta, infatti, sono tante le sofferenze della città, dai trasporti alla mancata raccolta dei rifiuti, dal traffico ai disagi prodotti dai lavori per il trasporto pubblico. «Probabilmente – dice a MeridioNews – ci aspettavamo risposte più immediate e tangibili e una migliore qualità dei servizi che oggi costano di più ma sono uguali a prima. Anzi, per lo più, sono disservizi». Ed ecco spiegata la grande delusione nei confronti del sindaco: «Non è stato in grado di affrontare con modernità i problemi della città»

Altre critiche che piovono sul sindaco dopo quelle durissime di Confindustria Palermo ieri e del consigliere Occhipinti di un paio di giorni fa. Accusato dall’associazione degli industriali di essere politicamente dissociato e di vivere «in una favola» dall’ex consigliere di Idv, per la vicepresidente di Sala della Lapidi, Orlando probabilmente ha una «visione strategica lungimirante, che forse potremo apprezzare fra 3-4 anni. Attualmente, tuttavia, la sua visione non trova corrispondenza nella realtà». Pur riconoscendo che al suo arrivo c’era una situazione di pre-dissesto, pericolo che poi è stato scongiurato, per Spallitta qualcosa non è andato per il verso giusto. Ad esempio nella gestione del personale: «Ha avuto sicuramente il merito di salvaguardare i livelli occupazionali delle partecipate, ma ciò che non è andato a buon fine è l’utilizzo del personale. Alla salvezza non ha fatto seguito la qualità ed efficienza».

Leggi l’articolo completo su MeridioNews (CLICCA QUI).




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits