full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Interrogazione – Sgombero delle case occupate all’Insula 3 delle Zen 2

Pubblichiamo il testo dell’interrogazione presentata dal mio gruppo e avente ad oggetto lo Sgombero delle case occupate all’Insula 3 delle Zen 2.

 

AL SIG. SINDACO
 
Interrogazione con risposta scritta
 
Oggetto:   Sgombero delle case occupate all’Insula 3 delle Zen 2.

 
 
Premesso che
Da molti giorni, numerose  famiglie sgomberate dalle case occupate all’Insula 3 dello ZEN 2, non avendo alcuna soluzioni alloggiativa alternativa, dormono per strada in condizioni  precarie, affidati esclusivamente al sostegno fornito dai  cittadini palermitani che, con grande solidarietà e sensibilità,  stanno garantendo i beni di prima necessità e di soccorso.  

Considerato che
>  Il diritto all’alloggio previsto dalla Costituzione Italiana è uno strumento primario posto a garanzia dello sviluppo sano e dignitoso della personalità dell’individuo. È necessario quindi salvaguardare il diritto di questi nuclei familiari che versano attualmente in gravissime condizioni socio-economiche e tutelare con ogni strumento utile ed opportuno i diritti dei minori, già gravemente lesi sia per le condizioni disagiate ed emergenziali in cui continuano a vivere, e sia, a maggior ragione, in caso di sgombero.
>  Come sancito dai principi contenuti nella Convenzione Internazionale del 1989 sui diritti del fanciullo, l’Amministrazione Comunale deve porre al centro della programmazione della propria attività il bambino e la sua famiglia, con i suoi diritti e i suoi bisogni di tutela, educativi e ricreativi.
>  Il diritto ad avere un luogo idoneo al proprio sviluppo psicofisico, il diritto al gioco, alla salute,  devono essere assicurati in modo da garantire alle bambine e ai bambini  la  loro sana crescita  in un ambiente stabile  dove poter sviluppare la loro personalità e la loro identità, sotto la cura e la responsabilità dei genitori, in un’atmosfera  serena  e di sicurezza materiale e morale.
>  Attualmente l’Amministrazione Comunale prevede interventi di contrasto in emergenza del disagio, ma non di prevenzione e di eliminazione del disagio, e ciò è confermato dalle oggettive inadempienze dell’Amministrazione Comunale, che non ha affrontato nell’ultimo decennio in modo efficace l’annoso problema del diritto all’alloggio, privilegiando scelte dispendiose ed inutili e, comunque, fuori da una programmazione vera, come quelle del ricovero decennale in albergo, o l’alloggio nei containers, o il possibile affidamento dei minori presso case famiglia.
Vista la totale assenza di programmazione da parte dell’Amministrazione Comunale, in occasione dell’adozione dei provvedimenti repressivi, e l’assenza di adeguati interventi alternativi  a favore delle famiglie destinatarie degli sgomberi e soprattutto idonei a garantire  i diritti di centinaia di bambine e bambini durante e dopo lo sgombero.
Considerato che si tratta di nuclei familiari che per anni hanno vissuto in condizioni di assoluto disagio economico ed abitativo con la conseguente lesione e violazione dei più elementari diritti umanitari.
Valutata la necessità di tutelare con ogni strumento utile ed opportuno i diritti dei minori che, nel caso di sgombero, sarebbero gravemente lesi.
Considerato infatti che la regolare crescita di questi bambine e bambini deve essere assolutamente rispettata e che una ordinanza di sgombero senza dignitose soluzioni alternative  può avere  effetti devastanti e traumatici sulla integrità psico-fisica dei minori e che, pertanto, anche da questo punto di vista,  è inaccettabile un provvedimento repressivo dell’Amministrazione, responsabile  per la sua parte, di comportamenti inadeguati ed inadempienti, che non sia tra l’altro accompagnate da misure di tutela ed assistenza dei minori.
Considerato poi che in alcuni di questi alloggi vivono soggetti invalidi ai quali l’Amministrazione ha il preciso dovere di prestare assistenza e servizi.
Valutata quindi la necessità di salvaguardarne i diritti.
 
 
Tenuto conto che
>  il Sindaco, nella qualità di autorità locale di protezione civile, ai sensi dell’art. 15 comma 3 della Legge n. 225/92 e dell’art. 108 del Codice Civile e del D.Lgs. n. 112/98,   deve adottare tutti i provvedimenti utili e necessari alla salvaguardia dell’incolumità dei cittadini, anche con poteri con tingibili ed urgenti che le recenti disposizioni miniseriali  gli hanno ampiamente conferito ;
>  il Sindaco, ai sensi degli artt. 50 e ss  T.U. 267/00, come rappresentante della comunità locale, deve adottare tutti i provvedimenti necessari per la salvaguardia dell’igiene pubblica .
 
Per tutto quanto sopra questo Gruppo Consiliare, fermo restando l’importanza di sostenere in ogni modo l’unità dei nuclei familiari e la permanenza delle bambine e dei bambini  presso le rispettive  famiglie, anche al fine di non aggravare la condizione di trauma che è già determinata dallo sgombero coatto delle stesse famiglie  
CHIEDE
1. Se siano state adottate quali  siano le azioni specifiche per la salvaguardia della pubblica e privata incolumità e per la salute psico-fisica dei minori, oltre che in generale dei componenti dei nuclei  familiari destinatari di provvedimenti di sgombero, con individuazione preventiva di  strutture idonee alle principali esigenze di primaria  e temporanea accoglienza e di alloggio nelle diverse fasi di sgombero.
2. Se siano state previste e quali siano le azioni  rivolte ad assicurare  condizioni necessarie  ed indispensabili per garantire a i minori ed alle loro famiglie il soddisfacimento dei bisogni “materiali”   assicurando i beni di prima necessità , a  tutela di diritti fondamentali e dell’integrità  psico-fisico,  compromessa   dall’esecuzione coattiva  degli sgomberi.
 
LE CONSIGLIERE
 
 
Nadia SPALLITTA                                                                    Antonella MONASTRA

 
 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits