full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Giornale di Sicilia | Multe a rischio

Giornale di Sicilia 26 ottobre 2015 Multe a rischio

Milioni. In ballo ci sono milioni di euro delle sanzioni dei vigili urbani. Che il Comune potrebbe incassare con difficoltà per l’effetto di una sentenza del giudice di pace di Palermo che richiama una pronuncia della Corte di Cassazione con cui si stabilisce l’inesistenza delle notifiche effettuate da soggetti diversi del «fornitore postale universale». E su cui il collegio di consulenza dell’avvocatura comunale, nella seduta del 23 settembre scorso, ha aderito; «esprimendo parere favorevole a prestare acquiescenza alla sentenza». Come a dire: non c’è nulla da fare, meglio arrendersi e non portare per le lunghe la faccenda perché non ci sono scappatoie. Bisogna fare un passo indietro per comprendere appieno la portata di questa decisione.

In città il Comune ha affidato alla Sispi la gestione e la notifica delle contravvenzioni alla Sispi che a sua volta si avvale del consorzio Olimpo. Si parla di trecentomila atti lavorati e notificati solo nel 2014 a cura della Sispi, per un corrispettivo di 3 milioni e 224 mila euro. Un terzo viene spedito fuori città utilizzando Poste Italiane. Il resto avviene entro i confini panormiti. E per questo Olimpo utilizza 39 suoi messi (sono stati formati con un corso di tre ore, oggetto anche di una interrogazione della consigliera del Pd Nadia Spallitta). Spesso però la notifica avviene a mezzo raccomandata quando l’utente non viene trovato a casa. E qui scatta la «tagliola» della Suprema Corte secondo cui la differenza sostanziale tra fornitore universale del servizio postale e soggetto privato «è la qualità di pubblico ufficiale attribuita soltanto al primo».

Davanti al Giudice di Pace di Palermo, l’avvocato Domenico Chinnici aveva contestato la mancata notifica di un verbale di 296 euro per il fatto che era stato consegnato a un portiere senza avere espletato tutte le formalità richieste dal codice. Il giudice ha accolto il ricorso. La polizia municipale ha chiesto di potersi opporre alla sentenza. Azione sconsigliata dall’avvocatura. Che scrive: «Tra i motivi di opposizione, non esaminati dal giudice e che possono quindi essere riproposti in appello, vi era quello relativo alla nullità della notifica in quanto non effettuata a mezzo del servizio postale universale. E tale motivo appare fondato». Un orientamento non univoco. Basti pensare che l’avvocato Massimiliano Mangano, interpellato per un parere pro veritate dal Consorzio Olimpo, propende per una interpretazione favorevole alla notifica a cura di messi privati distinguendo fra «atti amministrativi (in cui rientrerebbero le multe, ndr) e atti giudiziari».

Fino a qua i fatti. Per legge le notifiche delle sanzioni al codice della strada devono avvenire entro 90 giorni. Vero è che anche i ricorsi possono essere presentati con termini molto stretti. Il presidente della Sispi, Francesco Randazzo, mostra tranquillità: «Guardi, la materia è molto complessa. Ed esistono pronunce tra di loro differenti e in alcuni casi opposte. Noi abbiamo affidato il servizio sulla base di una gara regolare. E notifichiamo le multe così come fanno le prime cinque città d’Italia, Milano in testa. Infine – conclude Randazzo – nella primavera prossima con la privatizzazione completa delle Poste, finirà il concetto di servizio postale universale». Ma quanto vale l’universo delle multe? Nel bilancio di previsione 2015 sono state iscritti in entrata 60 milioni di euro: una cifra enorme, più che raddoppiata rispetto all’anno precedente. Nel previsionale 2014, infatti, erano stati previsti 23 milioni per poi fissare nel consuntivo la cifra a 27 milioni come valore accertato.

Scarica l’articolo del 26 ottobre 2015 in pdf CLICCANDO QUI.

Consulta il testo integrale dell’interrogazione CLICCANDO QUI.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits