full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Comune, il bilancio è virtuoso Pdl Sicilia- “E’ un’assurdità”

Spallitta:«Se le casse sono in ordine come si spiegano tutti i tagli e la crisi dilagante»

 

Il bilancio del Comune di Palermo gode di ottima salute, l’amministrazione comunale si piazza fra quelle più virtuose d’Italia e siamo ben lontani dall’ipotizzato dissesto finanziario agitato come uno spettro dalle opposizioni a Palazzo delle Aquile. A metterlo nero su bianco è un’indagine del Sole 24 ore che soddisfatto illustra il sindaco Diego Cammarata.
<<Le Casse del Comune di Palermo – dice – si confermano in piena salute e mostrano di avere pienamente meritato il premio già attribuitogli da un recente decreto dei Ministri del tesoro e degli interni che lo davano tra i bilanci virtuosi per il rispetto del patto di stabilità». «I conti della nostra città – gli fa eco l’assessore comunale al Bilancio Sebastiano Bavetta – sono come quelli di una famiglia benestante che spende molto per spese obbligatorie, permettendo così ai suoi componenti di mantenere un adeguato tenore di vita. Al tempo stesso, l’attenta gestione dei flussi di entrata e uscita e il basso indebitamento consentono di fare investimenti e di dare liquidità non solo al sistema delle Aziende partecipate del Comune ma anche a tutta l’economia locale ». Una fotografia della realtà che non convince in tanti. Prima fra tutti la stessa opposizione al Consiglio. «Come si fa a dire che è tutto apposto? – dice il capogruppo del Pdl Sicilia Manfredi Agnello – Ogni giorno ci sono manifestazioni per strada di gente disperata senza un lavoro, aziende al collasso e settori allo sbaraglio». Per Agnello «Il bilancio è virtuoso –  continua – perché da bravo commercialista, l’assessore Bavetta ha minimizzato se non tolto del tutto i debiti. Allora sì che tutto sembra corrispondere ad una perfetta gestione delle finanze.
Ma cosa mi dice il sindaco dei  150 milioni che avanza l’Amat? E dell’ Amia che ha rischiato il fallimento’ E ancora della Gesip sull’orlo del baratro? Questo sono gli elementi di un bilancio virtuoso?». Rilancia la palla Doriana Ribaudo, capogruppo dell’Udc. «Se le cose vanno male – replica alle accuse il capogruppo dell’Udc – non deve essere per forza colpa dell’Amministrazione. Ormai l’opposizione sa recitare solo e soltanto questa parte. Perché invece non si è preoccupata di approvare l’assestamento di bilancio in consiglio? A questo ora molte di queste criticità sarebbero state risolte». Per Ribaudo «di sicuro la situazione in città non è delle migliori, ma ci sono comuni in Italia che se la passano molto peggio: amministrazioni in dissesto finanziario e al collasso. Noi stiamo meglio». Intanto proprio per quanto riguarda la Gesip «Il Comune propone soluzioni – dice Nadia Spallitta di Un’Altra Storia – inadeguate a dare risposte ai lavoratori, il cui rapporto con l’Amministrazione è ovviamente collegato con il bilancio dell’ente»




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits