full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

ZETALAB, INTERROGAZIONE DI RITA BORSELLINO ALLA COMMISSIONE EUROPEA: “SIANO RISPETTATE …

rita-borsellino.jpg
rita-borsellino.jpgZETALAB, INTERROGAZIONE DI RITA BORSELLINO ALLA COMMISSIONE EUROPEA:  “SIANO RISPETTATE LE NORME COMUNITARIE SULL’ACCOGLIENZA AI RIFUGIATI”

 
 

Un’interrogazione scritta alla Commissione europea per chiedere che i rifugiati politici attualmente ospitati dal Laboratorio Zeta di Palermo ricevano garanzie in termini di accoglienza, così come previsto dalle norme comunitarie. A presentarla è stata oggi l’europarlamentare Rita Borsellino, che ha anche chiesto alla Commissione di esprimersi sul caso del centro sociale di via Arrigo Boito, sgomberato lo scorso 19 gennaio. “Strutture come questa – si legge nell’interrogazione – suppliscono di fatto alla carenza di strutture e organizzazioni locali in materia di difesa di diritti umani e in particolare in materia di rifugiati. Il Laboratorio Zeta, in nove anni, ha ospitato più di quattrocento migranti, svolgendo un importante ruolo sociale che gli è valso il plauso anche delle istituzioni pubbliche”.
INTERROGAZIONE SCRITTA
AUTORE: Rita Borsellino

OGGETTO: Violazione del diritto d’accoglienza ai rifugiati

TESTO:

Il “Laboratorio Zeta” è l’unico centro di accoglienza dei profughi e richiedenti asilo a Palermo.
In 9 anni ha ospitato più di quattrocento rifugiati politici. La sede del laboratorio è una vecchia scuola abbandonata la cui proprietà è di un ente pubblico, l’Istituto autonomo case popolari (IACP). Da centro sociale occupato il laboratorio Zeta ha svolto un importante ruolo sociale che gli è valso il plauso anche delle istituzioni pubbliche tant´è che il Comune di Palermo ha sempre provveduto a pagare le utenze del centro. L’IACP tuttavia ha deciso di assegnare l’edificio a un ente privato che svolge attività a scopo di lucro. Per effettuare lo sgombero dei locali, lo scorso 19 gennaio le forze dell’ordine hanno  fatto irruzione nel laboratorio Zeta caricando violentemente, senza alcuna ragione, gli occupanti. Tre persone sono state ricoverate e oltre 30 sudanesi, cui è stato riconosciuto lo status di rifugiati,  si trovano al momento  senza una struttura dove potere dormire. Né le istituzione pubbliche né il Prefetto sono intervenuti per garantire ai rifugiati un’accoglienza adeguata.
Sulla base di tali avvenimenti non ritiene la Commissione europea che i rifugiati  abbiano diritto ad una vera accoglienza da parte degli Stati membri secondo quanto previsto dall’art. 14  dalla direttiva 2003/9/CE?
Non ritiene la Commissione che laddove sussistono strutture ed attività come quelle del laboratorio Zeta che di fatto suppliscono alla carenza di strutture e organizzazioni locali in materia di difesa di diritti umani e in particolare in materia di rifugiati, andrebbero sostenute a livello locale e nazionale?




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits