full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Un cavillo blocca il recupero di un milione

…Ancora una volta un cavillo blocca la restituzione di un milione di euro alla Provincia da parte di consiglieri e componenti di Palazzo Comitini all’epoca in cui governava Puccio. Prima il TAR e ora il tribunale civile fermano le ingiunzioni di pagamento. I fatti sono questi, L’istituzione dell’area metropolitana comportava un aumento delle indennità del 50 per cento. Ma l’area metropolitana non è mai entrata in vigore…Quando alla guida della Provincia arrivò Musotto, uno dei primi atti …(continua)…fu quello di richiedere la restituzione delle somme…
Nel 2001, il TAR, è entrato solo marginalmente nel merito della questione. Tuttavia il pronunciamento dei giudici amministrativi bloccò la delibera delle giunta con la quale si tentava di rientrare in possesso delle indennità…Martedì scorso la prima sezione civile boccia ancora una volta le pretese della Provincia con un sentenza che riguarda l’ex assessore Alberto Sciortino (difeso dall’avvocato Nadia Spallitta)…altre quaranta posizioni sono tutt’ora la vaglio di giudici, ma questa sentenza farà da apripista…(continua)
 

Le dichiarazioni dell’avvocato Spallitta

<<Si è conclusa anche davanti al giudice ordinario, l’annosa vicenda, che risale al 1998, della restituzione delle indennità di carica che, con due successive leggi nel ’93 e nel ’96, è stata istituita per consiglieri e assessori delle aree metropolitane. La Giunta Musotto (centrodestra) insediatasi dopo la scadenza del mandato della Giunta Puccio (centrosinistra) aveva tentato con un provvedimento dichiarato illegittimo dal TAR, in seguito ad un ricorso di assessori e consiglieri da me patrocinato, di recuperare queste indennità ancorché previste con legge. Dopo alcuni anni, nel 2006 la Giunta Musotto ci riprova questa volta davanti al giudice ordinario, senza tuttavia riuscire a dimostrare né il titolo per il recupero di queste somme, né l’esatto ammontare delle stesse. Sono soddisfatta della decisione del giudice ordinario che finalmente mette fine ad una sorta di persecuzione ingiusta, durata circa dieci anni, che ha più un sapore politico che giuridico>>.

avv. Nadia Spallitta – consigliere comunale del gruppo Un’Altra Storia




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits