full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

SPALLITTA- Zamparini propone di spostare il centro di municipalità. Intanto si bonifichi l’area …

nadia_-_aula.jpg

nadia_-_aula.jpg

SPALLITTA:  Zamparini propone di spostare il centro di municipalità. Intanto si bonifichi l’area che è una discarica abusiva a cielo aperto.
 
 << La commissione urbanistica ha effettuato un sopralluogo allo Zen , per acquisire elementi utili, in relazione alla proposta presentata da Zamparini, di spostare il centro di quartiere – oggi previsto nell’ambito della grande struttura commerciale di fondo Raffo – nella zona compresa tra le vie  F. Coppi e Senocrate di Agrigento, del quartiere San Filippo Neri. L’area di 15.000 metri quadrati – di cui circa 3.000 di proprietà comunale –  da anni versa in condizioni di degrado e di abbandono, una vera e propria discarica a cielo aperto che l’Amministrazione non è stata mai in grado di bonificare. L’idea di Zamparini sarebbe di collocare – nella zona comunale – il centro di quartiere, e utilizzare per fini commerciali la struttura già prevista con questa destinazione, ampliando ulteriormente il suo centro commerciale.
L’ ipotesi potrebbe essere percorribile  solo se l’intervento, che dovrebbe essere contestuale e collegato al progetto generale, si estende alla riqualificazione dell’intera area di 15.000 metri quadrati, anche per equilibrare il rapporto interesse pubblico/interesse privato, derivante dalla complessiva operazione commerciale. Infatti, ad oggi, appare davvero inesistente l’interesse pubblico perseguito e raggiunto dalla variante pubblica concessa a Zamparini in quest’area di pregio storico. Di fronte ad una scelta che ha trasformato la destinazione urbanistica di questi 288.000 metri quadrati da verde in area commerciale, la contropartita per la collettività è consistita in soli 2.000 metri quadrati, concessi peraltro temporaneamente – per dieci anni decorsi i quali bisognerà pagare un affitto – per realizzare servizi alla collettività ( centro della municipalità). E’ singolare come sia stata accettata, dalla precedente consiliatura (con voto quasi unanime), un corrispettivo che appare irrisorio , in relazione alle vaste dimensioni della variante urbanistica, e mi riservo di tornare e di verificare la regolarità di questa parte della convenzione che mi lascia alquanto perplessa. Proprio per tentare di raggiungere un obiettivo più efficace, ritengo che l’eventuale spostamento dei servizi in altra area, debba necessariamente essere accompagnato anche da un investimento , da parte dello stesso Zamparini, rivolto alla bonifica integrale dell’intera zona di 15.000 metri quadrati, collocandovi (per esempio) un parco ed attrezzature sportive, unitamente al centro di municipalità di proprietà pubblica, il tutto senza costi per l’Amministrazione e quindi per la collettività, che del resto ha già perduto migliaia di metri quadrati di verde storico, a tutto vantaggio di un’operazione esclusivamente economica  e senza una vera contropartita di interesse pubblico. Nel frattempo, alla luce dell’abbandono in cui versa l’area, ho inoltrato una nota agli uffici e agli organi competenti, per intervenire tempestivamente, per rimuovere i rischi per l’incolumità e la salute, collegati alla discarica abusiva che insiste su questo territorio.>>
Nadia Spallitta – presidente commissione Urbanistica



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits