full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

SPALLITTA: si faccia chiarezza sull’erogazione dei fondi della 285

<< Continua la gestione poco chiara dei fondi della legge 285 destinati ai minori, caratterizzata dalla incongruenza di alcune scelte che danneggiano realtà storiche di molti quartieri degradati, a favore di soggetti che probabilmente non hanno gli stessi titoli. Tra le altre , si apprende dell’incredibile vicenda del laboratorio “Zen insieme”- soggetto prima escluso dai finanziamenti della 285 poi, dietro ricorso riammesso e quindi come ultimo atto dell’ex assessore Scalso,  di nuovo escluso. Si tratta uno dei primi centri che da anni – fondandosi quasi esclusivamente sul volontariato – ha offerto assistenza e sostegno alle tante mamme e ai bambini di uno dei quartieri più a rischio della città, lo Zen, sostituendosi alle amministrazioni inerti e inadempienti. 
Non è ben chiaro quali possano essere i criteri che abbiano portato all’esclusione, alla riammissione e alla riesclusione di soggetti che hanno speso per lungo tempo le loro energie e il loro impegno, che sono radicati nel territorio, che godono della fiducia dei residenti , e che hanno già dato risposte della loro attività recuperando giovani e donne dello Zen. Ritengo che sia indispensabile, in un settore così delicato quale quello del sociale, che la gestione del denaro pubblico avvenga nel modo più trasparente, salvaguardando gli interventi da possibili intromissioni di soggetti politici o funzionari pubblici. Credo che occorra impedire, in ogni modo, sia forme di clientelismo che irregolari sponsorizzazioni da parte di soggetti politici che potrebbero determinare il vantaggio economico di centri e associazioni meno meritevoli a danno di chi , invece, avrebbe requisiti per operare efficacemente sul territorio. Presenterò un’interrogazione con la quale chiederò copia di tutti gli atti costitutivi e dei contratti di assunzione del personale, in relazione alle associazioni ed enti beneficiari della legge 285 e valuterò se trasmettere le carte anche alla magistratura, se dovessi riscontrare anomalie nell’assegnazione delle somme.>> 
Nadia Spallitta – capogruppo di Un’Altra Storia



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits