full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

SPALLITTA: Sconosciuti i contenuti, l’ammontare e l’elenco dei debiti dell’Amia.

amia.jpg
amia.jpg"Nonostante la ricapitalizzazione dell’Amia e l’aumento del contratto di servizio, continuano i disservizi nella raccolta dei rifiuti, a dimostrazione dell’assenza di ogni correlazione tra gestione dei rifiuti a Palermo e capitale sociale dell’Amia. In altre parole, di fronte al protrarsi delle carenze nella raccolta dei rifiuti, ancora più inopportuna appare l’affrettata delibera di ricapitalizzazione dell’azienda che ha impoverito il patrimonio comunale senza risolvere i veri problemi della società. Ad oggi, ancora non è chiaro quale sia l’esatto ammontare dei debiti contratti dall’Amia, se vi siano creditori che abbiamo presentato istanza di fallimento o che si siano in qualche modo inseriti nella procedura in itinere, ed ancora, cosa potrebbe ostacolare questi creditori dall’aggredire il capitale dell’Amia formato oggi per 70 milioni da immobili pubblici irritualmente, a mio avviso, conferiti.
L’intera operazione non convince anche in relazione al piano industriale presentato che lascia fuori dalla gestione pubblica i servizi essenziali per la città, mentre si costituiscono nuove cooperative e società pronte a gestire, in regime di diritto privato, quei servizi che Amia non offrirà più a Palermo. Da un lato leggi ad hoc che tendono alla privatizzazione di uno dei settori più delicati ma anche più interessanti sotto il profilo economico, dall’altro la formazione – sembrerebbe oggi anche in Sicilia – di società create appositamente per gestire i servizi dismessi dall’ente pubblico. In questo contesto il conferimento di un patrimonio di 90 milioni, forse al solo scopo di soddisfare i creditori, per servizi e forniture dei quali, tra l’altro, il Comune di Palermo non ha nessuna conoscenza. In risposta ad un’interrogazione sulla natura, i contenuti e l’elenco dei debiti dell’Amia, gli uffici comunali hanno risposto fornendo documenti incompleti ma soprattutto illeggibili. Per cui ci si domanda sulla scorta di quali elementi l’Amministrazione comunale, che dovrebbe fare il controllo analogo, abbia basato le sue valutazioni e continui oggi a deliberare il pagamento dei debiti dell’Amia".


Nadia Spallitta – capogruppo di Un’Altra Storia




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits