full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

SPALLITTA -Reintegrati i lavoratori della SMA S.p.A.

SPALLITTA -Reintegrati i lavoratori della SMA S.p.A.

<<Il Giudice del Lavoro di Palermo, con un’ importante e significativa decisione, ha accolto il ricorso – promosso dall’avv. Nadia Spallitta – di 5 lavoratori che erano stati ingiustamente licenziati, nell’ambito di un licenziamento collettivo che aveva coinvolto un intero reparto aziendale a Palermo (SMA via Ingam), disponendo l’immediata reintegrazione nel posto di lavoro ed il diritto al risarcimento dei danni. La decisione afferma un principio, peraltro già consolidato nell’ordinamento, di tutela dei lavoratori pur in costanza di accordo sindacale che non sana eventuali vizi della procedura, tutte le volte in cui non siano stati correttamente applicati criteri e procedure previste dagli articoli 4 e 5 della legge 223 del 91 in materia di licenziamento collettivo. Secondo il Giudice adito, non sussistevano nella fattispecie, elementi utili ad indicare le motivazioni che avevano indotto, la società datrice di lavoro, alla decisione di chiudere un solo punto vendita, piuttosto che un altro qualsiasi della stessa città di Palermo o della regione Sicilia , o dell’intero territorio nazionale (la SMA è uno dei più importanti complessi aziendali con circa 9 mila lavoratori e circa 300 punti vendita). Inoltre, gli adempimenti procedurali previsti dalla legge, risultavano incompleti e viziati, e non spiegavano altresì le ragioni dell’impossibilità di adottare misure alternative al licenziamento, come la collocazione in altri punti vendita. Ritengo che la sentenza abbia una grande rilevanza, soprattutto in relazione alla possibilità del singolo lavoratore di far valere le sue ragioni, anche in presenza di accordi sindacali che, come nella fattispecie, sono stati siglati in carenza delle adeguate informazioni relative alle ragioni e alle esigenze tecnico-organizzative che hanno determinato la procedura collettiva. Sotto il profilo sociale, la reintegra nel posto di lavoro, in questo momento di grande crisi occupazionale, è una vittoria non indifferente, anche in considerazione dell’età avanzata di molti dei ricorrenti.>>

                                               avv. Nadia Spallitta



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits