full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Spallitta: Pgtu strumento indispensabile per disciplinare mobilità, sicurezza e pedonalizzazioni

nadia1.jpg

“Molte delle problematiche, connesse con la istituzione di isole pedonali nel Centro storico di Palermo, potrebbero trovare adeguata soluzione nell’ambito di una programmazione completa, che derivi dal contemperamento dei diversi interessi pubblici e privati coinvolti con un percorso di partecipazione, che implichi una fase di divulgazione e promozione e, soprattutto,  la creazione di misure alternative, idonee a garantire parcheggi e mobilità, in particolare quella pubblica. La sede per questa programmazione, più complessa è articolata, è il Piano urbano generale del traffico (Pgtu), strumento previsto dal codice della strada, che ha come scopo i diversi obiettivi della tutela della salute, della sicurezza e della mobilità cittadina”. Lo dice il Vice Presidente Vicario del Consiglio comunale di Palermo, Nadia Spallitta, a proposito delle prossime sedute di Sala delle Lapidi nelle quali si discuterà del Piano generale urbano del traffico.

“Il Pgtu, presentato da tempo in Consiglio comunale, che, nella sostanza in effetti è una riproposizione di proposte della precedente Amministrazione – aggiunge –, tuttavia, a mio avviso, necessiterebbe di alcune modifiche, che lo rendano più adeguato ai predetti obiettivi. In particolare, non condivido la creazione di vaste macroaree – Zone a traffico limitato  –  con possibile introduzione di tariffe per il transito. In un momento di crisi come questo, ritengo che non sia opportuno introdurre nessuna forma di regime tariffario per l’ingresso nelle Ztl, anche alla luce della loro estensione, e tra l’altro, se lo scopo delle Ztl, è la riduzione dell’inquinamento,  il pagamento di una tassa non lo ridurrebbe”. “Ugualmente – prosegue – , credo che sia da rivedere la previsione riguardante le strisce blu – il Piano potrebbe comportarne l’estensione con un ulteriore aggravio di costi per i cittadini-. Un correttivo potrebbe essere la previsione di altrettante aree di parcheggio gratuite ( cosiddette strisce bianche), che allo stato sembra mancare”.

“ In secondo luogo- sottolinea-, a questo provvedimento non è allegato un piano completo e dettagliato dei parcheggi e non è inserito alcun collegamento con il progetto del Tram, per cui non è ben chiaro quali siano le effettive ricadute sul sistema del traffico veicolare. Da questo punto di vista, l’atto, a mio avviso, deve essere integrato”.  Per Spallitta con riferimento alle pedonalizzazioni di ampie aree del Centro storico, inoltre, “dovrebbe prevedersi, fin da ora l’introduzione di servizi di navetta e di trasporto anche con minibus per garantire lo spostamento di residenti e turisti, incentivando, altresì, l’uso della bicicletta e verificando nelle aree pedonalizzate la creazione di percorsi ciclabili, che allo stesso tempo dovrebbero essere rivisitati per l’intero territorio cittadino”.

“Infine, il Piano dovrebbe affrontare meglio – conclude-  le tematiche connesse con segnaletica e sicurezza, prevedendo, il rifacimento di quella esistente e utilizzando, anche per queste finalità, parte delle risorse provenienti dalle sanzioni amministrative. Credo che sia importante e utile avviare la discussione in Consiglio comunale su questo provvedimento – necessario e utile per la mobilità, la salute e l’economia locale – anche perché Palermo sconta un ritardo di oltre 20 anni, valutando la possibilità che correttivi e integrazioni, vengano apportati su mandato del Consiglio, anche nella  fase attuativa del Pgtu”.  Nadia Spallitta, Vice Presidente del Consiglio comunale di Palermo.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits