full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

SPALLITTA: no all’abusivismo edilizio – si rielabori il Peep

commissione_urbanistica_palermo.jpg
commissione_urbanistica_palermo.jpg"L’Amministrazione continua a proporre la realizzazione di 7.200 alloggi senza valutare l’elevato numero di costruzioni abusive realizzate negli ultimi 20 anni e mai censite. In seguito ad una nostra interrogazione abbiamo appurato che sono state presentate, in relazione ai condoni edilizi del 1985 e del 2004, 60.000 istanze di sanatoria e ne sono state esitate soltanto 3.421 con esito positivo e 905 con diniego. Considerando l’abusivismo edilizio non dichiarato, ad oggi, possono ipotizzarsi almeno il triplo di edificazioni realizzate in violazione della concessione edilizia, pari al 25% circa della popolazione. Questi elementi dovrebbero far rivedere interamente lo studio ancorato ad una situazione anagrafica ed edilizia del 1991, ridimensionando le previsioni del fabbisogno abitativo.
Inoltre, negli ultimi anni, sono state emesse 9.438 ordinanze di demolizione ma non si sa se queste siano state mai portate ad esecuzione perché, presso il Comune, non esiste un sistema di controllo integrato che consenta di verificare l’ottemperanza a questo tipo di ordinanze connesse all’illecito dell’abusivismo edilizio. Mentre il fenomeno aumenta, l’Amministrazione ha pensato bene di tagliare i fondi delle turnazioni dei vigili urbani necessari per esercitare il controllo sul territorio, così dalle 880 ordinanze del 1985 si passa, per carenza del personale e di risorse, alle 18 del 2004, alle 76 del 2005 e alle 30 del 2009. Sostanzialmente l’Amministrazione comunale consente ai cittadini ogni forma di abuso edilizio, in quanto non appronta nessun mezzo adeguato per impedire questa costante devastazione del suolo. In sede di bilancio, il mio gruppo si farà promotore dell’impinguamento dei capitoli connessi con la repressione dell’abusivismo edilizio, che appare indispensabile per la tutela reale del territorio."

Nadia Spallitta – gruppo Un’Altra Storia




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits