full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

SPALLITTA: il centrosinistra sia unito intorno alla candidatura di Rita Borsellino.

rita-borsellino.jpg
rita-borsellino.jpg<<Ritengo legittime le aspirazioni degli esponenti politici più giovani, e credo anche che la politica abbia bisogno di un rinnovamento. Ma ritengo altresì che il vero cambiamento, più che essere concentrato sul dato anagrafico, debba essere di contenuti e di valori etici, vissuti ed attuati con coerenza e coraggio. Inoltre, (fatta eccezione ovviamente per la posizione di Orlando), le tante candidature di esponenti del centrosinistra, frutto per lo più di posizioni individuali – a volte neanche supportate dagli stessi partiti di riferimento – sono sicuramente espressione dell’assenza di un vero progetto unitario e condiviso dai partiti del centrosinistra, che rischiano di rendere perdente questo percorso troppo frantumato e frammentario. Si deve creare, a mio avviso, invece un percorso di condivisione e non di scontro o spaccatura, e le primarie non possono essere strumento di visibilità, magari da utilizzare per futuri percorsi politici.
Se la candidatura di Rita Borsellino rende unito il centrosinistra e diventa chiaro che l’avversario politico è il centrodestra – che ha fino ad oggi devastato la città di Palermo – e allora ben venga questa candidatura che può consentire a movimenti civici e partiti del centrosinistra, secondo me, proprio perché è in grado di superare individualismi e protagonismi, divisioni e diversità, di essere competitivi e vincenti rispetto alle elezioni amministrative. La candidatura  della Borsellino, che ha anche una valenza nazionale ed europea, può anche essere un punto di partenza per la creazione di una nuova classe dirigente politica, di cui la stessa Borsellino dovrebbe circondarsi, e la cui formazione non è pensabile che possa essere rappresentata da un singolo candidato solo perché giovane di età. La creazione di una nuova classe dirigente politica, infatti, necessita di valori etici radicati, e di un processo più complesso, elaborato e profondo di cambiamento, in grado di coinvolgere la società civile, tutti i partiti del centrosinistra e le loro rappresentanze istituzionali. Per questi motivi, pur avendo dato la mia disponibilità ad una candidatura alle primarie, credo che sia più costruttivo fare un passo indietro ed auspicare che Rita Borsellino sciolga favorevolmente la sua riserva.>>


Nadia Spallitta – capogruppo di Un’Altra Storia




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits