full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

SPALLITTA: discariche a cielo aperto – inadeguatezza di controlli e di interventi

tarsu.jpg
tarsu.jpg<<I disservizi connessi con la raccolta dei rifiuti a Palermo, non derivano soltanto dalla scelta gestionale di chi questi servizi governa, dal momento che basterebbe acquisire e riprodurre i sistemi virtuosi di altre città italiane o europee per risolvere le questioni tecniche. A mio avviso c’è invece una precisa volontà politica, forse collegata ad interessi economici diversi, che – di fatto – ostacola la raccolta regolare dei rifiuti, impedisce lo sviluppo della differenziata e la tutela del territorio cittadino, sistematicamente trasformato in varie parti della città in discariche a cielo aperto, dove si raccolgono rifiuti solidi, speciali, tossici, carcasse e quant’altro.
Il tutto senza le opportune forme di controllo che potrebbero essere realizzate anche a costi contenuti, istituendo mirate zone di video sorveglianza o bonificando e riqualificando, con opportune piantumazioni e interventi a vere, le aree sistematicamente compromesse. Allarmante, tra le altre, è la situazione dello Zen, già oggetto di istanze ed esposti rivolti ad individuare le necessarie procedure per la rimozione di carcasse di auto abbandonate e di rifiuti speciali, condizione che fornisce la misura del grado di inciviltà in cui è piombata la città di Palermo. Nel frattempo la raccolta differenziata crolla ai minimi storici 3/4 % e i costi di Amia aumentano anche a causa di denunciate esternalizzazioni di servizi dell’azienda, esternalizzazioni che, se accertate, mal si concilierebbero con la funzione di contenimento della spesa pubblica, che rappresenta il presupposto del commissariamento di questa società comunale>>.


Nadia Spallitta – capogruppo di Un’Altra Storia




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits