full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Si profila un rimpasto in giunta – Mpa “solo a certe condizioni”

Intanto l’Aula ha approvato anche un piano di lottizzazione che divide le forze politiche
…Intanto nell’ultima seduta del consiglio comunale di Palazzo delle Aquile ha approvato alcune delibere di urbanizzazione. Queste prevedono diversi interventi in primo luogo l’avvio del piano di lottizzazione di un complesso abitativo residenziale nella borgata di Pallavicino, (otto lotti costituiti da strutture unifamiliari e bifamiliari, con superficie maggiore a 600 mq). Poi la realizzazione in variante urbanistica di una palestra e di uno spogliatoio nell’area di Parco D’Orleans. Sarà predisposto il progetto di un edificio da destinare ad attività sociale e formativa nei pressi di via Evangelista di Blasi e sarà adeguato a norma un edificio che si trova in via Ievolella n. 14, da destinare a scuola media superiore. Non tutti i consiglieri presenti in Aula sembrano però concordi. Per alcuni si tratterebbe di cemento illegale. Almeno per Nadia Spallitta di Un’Altra Storia che parla di violazione degli standards urbanistici.
<<La maggioranza consiliare col voto contrario dell’opposizione approva una lottizzazione a Castelforte a dir poco illegittima – dice Spallitta – perché in violazione di norme regionali, nazionali, ed europee sulla riduzione del consumo del territorio>>. Per il consigliere in questo modo si violano gli standards urbanistici come previsti dal vigente piano regolatore <<consentendo a dei privati di costruire in aree che, invece, secondo le citate disposizioni dovrebbero essere destinate ad una pubblica utilità per opere di urbanizzazione primaria, per realizzare del verde, parcheggi e in generale tutti i servizi essenziali>>. In altre parole si consentirebbe di costruire in aree che dovrebbero essere, per legge, di “fruizione pubblica”, riducendo ulteriormente la percentuale di verde e di parcheggi di cui la città necessita. <<Più precisamente, mentre la legge impone ai privati – spiega Spallitta – che vogliono lottizzare di cedere gratuitamente una parte delle loro aree per la realizzazione delle urbanizzazioni primarie,  l’Amministrazione comunale non solo non impone la cessione gratuita di aree, ma su queste consente ulteriore edificazione aggravando anche il carico urbanistico>>.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits