full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Primo sì a 52 progetti Prusst

Stazioni balneari, residence per anziani, alberghi, rimesse per barche, agriturismi e parcheggi. Sono alcuni dei progetti dei privati contenuti nella delibera di giunta sui nuovi Prusst (secondo bando) che ha appena ottenuto il parere favorevole della commissione urbanistica. Hanno votato a favore i componenti del centrodestra. Contro, quelli dell’opposizione.
E con loro si schiera anche la presidente, Nadia Spallitta. Il capogruppo di Un’Altra Storia, infatti, era stata eletta alla fine di un lungo braccio di ferro. Fra Gerlando Inzerillo (Pdl-Sicilia), presidente uscente, e Giulio Tantillo (Pdl lealista), ciascuno dei quali chiedeva per sé la poltrona. Alla fine ha goduto il terzo, Spallitta, appunto. A capo, tuttavia, di un organismo cruciale per l’attività dell’amministrazione e della maggioranza. La delibera contiene in tutto 75 progetti, 23 dei quali sono stati respinti, per tutti gli altri c’è un sì di massima perché ciascuno dovrà passare al vaglio del Consiglio comunale per l’approvazione definitiva. All’unanimità, comunque, la commissione ha dato il via libera a otto emendamenti con i quali si escludono gli interventi sulle aree gravate da rischio idrogeologico; si impone a tutti coloro che hanno proposto Prusst di dimostrare l’effettiva titolarità e disponibilità dell’area ed escludendo gli interventi per i quali sussistono rischi di infiltrazione mafiosa: da questi paletti l’esclusione di 23 Prusst. <<Il giudizio negativo si questo atto complesso nasce dal fatto che, quasi nessuno dei 75 interventi proposti dall’Amministrazione risponde alle finalità e ai principi ispiratori dei Prusst – dice Nadia Spallitta – , che presuppongono la valorizzazione dei beni ambientali, la tutela del paesaggio, il recupero dell’esistente in un’ottica di sviluppo economico e occupazionale ecocompatibile, anche avvalendosi di nuove tecnologie. Nulla di tutto questo si trova nella delibera dell’amministrazione Cammarata>>….(continua)….




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits