full screen background image
Search
mercoledì, 26 aprile 2017
  • :
  • :

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Piano anti smog dell’Amministrazione, tante lacune e poche idee (per giunta inadeguate)

traffico inquinamento smog auto

Trovo illogica la scelta dell’Amministrazione di mantenere inalterato il sistema delle Ztl di fronte all’allarme smog, lanciato dal Comune stesso, che dimostra in primo luogo l’inadeguatezza dell’attuale Piano generale del traffico urbano, inidoneo a garantire evidentemente salute pubblica e sicurezza. Le Ztl, infatti, sono uno degli strumenti di tutela ambientale, ma ne esistono tanti altri, evidentemente non previsti dal vigente Pgtu o inadeguati. Inoltre, se alcune aree o strade sono altamente inquinate, è impensabile allora proporre il transito sulle stesse aree dietro pagamento di una tariffa. Questo tipo di soluzione non risolve il problema ambientale che, chiaramente, deve essere affrontato in modo distinto rispetto alle esigenze economiche.

Insistere sulla proposta di Ztl, senza aver ottemperato alle corrette indicazioni di Tar e Cga, mette a rischio non solo la salute (perché pagando si può continuare a inquinare) ma anche la mobilità, perché non esistono al momento strumenti di trasporto pubblico alternativo al mezzo privato. Infatti: 1) le linee del tram non toccano le aree Ztl; 2) il trasporto pubblico su gomma è stato drasticamente ridimensionato dalla Giunta che a dicembre ha soppresso ben 34 percorsi con altrettante linee; 3) la percorrenza chilometrica degli autobus si è ridotta ed è passata da 19 a 14 milioni di chilometri con conseguente riduzione dei servizi alla collettività (dati budget Amat 2016); 4) la vendita di biglietti e abbonamenti per i mezzi pubblici, nel primo trimestre 2016, registra un incremento di circa 350 mila euro. Incremento assolutamente risibile rispetto ai costi milionari affrontati nello stesso periodo. Tra l’altro si registra una riduzione futura nella vendita di biglietti (dati budget Amat 2016); 5) la velocità chilometrica dei mezzi è pari 10-11 km/h, una delle più basse d’Italia. Lentezza che non incentiva l’uso del mezzo pubblico; 6) l’acquisto di nuovi mezzi (21 nel 2016 e 58 nel 2017) non rappresenta un incremento del parco mezzi ma una semplice sostituzione degli autobus vetusti. Il parco mezzi dell’Amat è tra i più vecchi d’Italia, con 483 autobus di cui 200 di età compresa tra i 15 e i 25 anni e 100 autobus di circa 20 anni, quasi tutti a benzina e inquinanti (dati Piano industriale Amat 2016). Inoltre, in atto è in funzione mediamente solo il 47% dei mezzi che un’età inferiore ai 10 anni. Per cui l’acquisto di altri bus, con la dismissione di quelli vecchi, è espressione di ordinaria amministrazione e non certamente incremento e potenziamento del servizio; 7) con rifermento al piano alberi l’Amministrazione continua a votare varianti urbanistiche che riguardano aree incolte o di verde agricolo per realizzare case, chiese e attività commerciali, con consumo del territorio e una riduzione del verde. La piantumazione di 2.000 alberi in programma – peraltro forse in compensazione di quelli abbattuti per fare spazio al tram – rappresenta uno strumento inadeguato per il contenimento dell’inquinamento che l’Amministrazione, con le sue varianti (che comportano urbanizzazione, creazione di strade e traffico veicolare) contribuisce a determinare. Alla città servono parchi urbani.

In sintesi non mi sembra che questa proposta dell’Amministrazione rappresenti nulla di nuovo e soprattutto non contenga alcuna vera idea di tutela del nostro territorio, di contenimento dell’inquinamento e di programmazione di interventi strategici, razionali e funzionali. In questo contesto reiterare Ztl a pagamento per tutti non risolverà il problema. Anzi lo aggraverà qualora non si decidesse di passare prima per una rivisitazione organica di un Pgtu superato e che necessita di un immediato aggiornamento.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits