full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

La voce di New York | Spallitta: “Palermo, ladri di biciclette”

biciclette

Quando nel 1817 il tedesco Karl Drais creò la sua prima “macchina da corsa”, un velocipede in legno su due ruote, che si spingeva in avanti facendo pressione sui piedi, probabilmente non immaginava l’importanza della sua invenzione che nel corso del diciannovesimo secolo si sarebbe sviluppata gradualmente in tutta Europa. In Italia, nel secondo dopo guerra, quando la crisi economica investe il Paese, la bicicletta diventa il principale mezzo di trasporto soprattutto per le  classi sociali meno abbienti.

Il pensiero corre immediatamente all’indimenticabile capolavoro di Vittorio De Sica, “Ladri di biciclette”, che ha immortalato, pur nella povertà e nella disperazione dei personaggi, la poesia di un’epoca. Protagonista assoluta della scena è la bicicletta, oggetto di desiderio e di speranza, strumento  indispensabile per garantire la sopravvivenza.

Per leggere l’intero articolo su La voce di New York clicca qui




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits