full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Palermo – Cammarata è sempre più solo stretto fra rivali ed ex alleati

PALERMO – Un terremoto. I colpi inferti in rapida successione dalla giustizia hanno scosso le già fragili fondamenta di Palazzo delle Aquile.

Prima la sentenza del Tar che ha annullato l’aumento della Tarsu deliberato nel 2006, gettando l’ente sull’orlo del dissesto a causa di un ammanco di circa 150 milioni di euro, poi la richiesta di fallimento dell’Amia avanzata dalla Procura palermitana. Il sindaco Diego Cammarata si dice sicuro che non esistano “i presupposti per arrivare al fallimento dell’azienda”.
“Stiamo ormai da tempo – ha detto – lavorando per assicurare ad Amia il risanamento e il riequilibrio dei conti attraverso la sua ripatrimonializzazione e assicurando un nuovo contratto di servizio adeguato ai costi dell’azienda. Un percorso difficile ma virtuoso sul quale c’è il massimo impegno dell’amministrazione comunale”.

Parole mirate a fugare le voci che danno il Comune in procinto di liberarsi della zavorra di via Nenni, per cedere ai privati la raccolta dei rifiuti. Se per il deputato nazionale Nino Lo Presti (Pdl) il fallimento dell’ex municipalizzata rappresenterebbe un “colpo dal quale i palermitani non si riprenderebbero facilmente”, l’istanza della Procura non trova sorpreso Leonardo D’Arrigo (Mpa): “Il rilevante indebitamento dell’Amia già nei mesi scorso imponeva la via obbligata del fallimento. E nonostante ciò il sindaco continuava ad annunciare impossibili piani di risanamento” .

Sulla poltrona del sindaco, intanto, pende la mozione di sfiducia presentata dal largo fronte dell’opposizione. “Un atto doveroso chiedere le dimissioni di Cammarata”, secondo Giovanni Greco (Pdl Sicilia). “Non chiederle – dice – significherebbe sottrarlo alle sue responsabilità, in quanto promotore delle nomine dei vertici Amia”.
Nadia Spallitta (Un’Altra Storia), al contrario, dubita che il sindaco presenterà le dimissioni “che potrebbero far luce su scenari altrettanto irregolari estesi un po’ a tutta la gestione politica e amministrativa della città”. Meglio quindi votare la mozione che produrrebbe “la decadenza del sindaco e lo scioglimento del Consiglio comunale, che oggi, tra l’altro, vive una palese impossibilità di funzionare a causa delle spaccature interne all’ex maggioranza”.

La mozione rappresenta “l’unica via d’uscita allo sfascio” anche per Davide Faraone (Pd): “Cammarata deve andarsene, questa è la condizione per votare l’equilibrio di bilancio e subito dopo far tornare i palermitani alle urne per dare finalmente alla città un sindaco degno di questo nome”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits