full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Mozione per ridurre Tosap, Tarsu e Imu a PMI e Imprese artigiane

COMUNE DI PALERMO

CITTA’ PER LA PACE

GRUPPO CONSILIARE

“ITALIA DEI VALORI”

Piazza Pretoria n. 1 – 90133 Palermo

Telefono: 091 7402273 – Fax: 091 7402284

n.spalllitta@comune.palermo.it

Prot. Palermo, 10 febbraio 2013

MOZIONE

OGGETTO: Riduzione della pressione fiscale a sostegno delle piccole e medie imprese artigianali e commerciali ed attivazione di un complessivo piano anticrisi a supporto della crescita dell’economia locale.

PREMESSO CHE

La profonda recessione cha attanaglia da diversi anni la città di Palermo ha determinato crescenti costi economici e sociali ormai divenuti insostenibili per intere categorie della cittadinanza. Per reagire a questa situazione è necessario ripartire dalle ragioni dell’economia reale, cioè dalle ragioni delle imprese e del lavoro che costituiscono la sola linfa vitale in grado di garantire il futuro di ogni società. Questo significa che politica, istituzioni e forze sociali devono impegnarsi in un’azione sinergica volta a condividere la responsabilità di mettere in campo scelte e politiche conseguenti, come recentemente affermato dal Presidente della Repubblica Napolitano: “si può avere crescita soltanto attraverso una molteplicità di azioni pubbliche, di impegni di impresa, di forme di mobilitazione delle energie produttive, lavorative e sociali”.

Il compito fondamentale delle istituzioni dovrà essere quindi quello di dare impulso, sostenere e sviluppare politiche di rivitalizzazione economica utili ad attivare processi economici capaci di rilanciare lo sviluppo coniugando disciplina fiscale e del bilancio pubblico con le ormai improcrastinabili esigenze di crescita ed equità.

VISTA

-la Deliberazione del Commissario Straordinario n. 40 del 23.03.2012 avente per oggetto: “Incremento tariffe tassa per occupazione permanente di spazi ed aree pubbliche (TOSAP nella misura massima prevista dal D.lgs 507/93).

EVIDENZIATO CHE

– Con la suddetta Deliberazione n. 40 del 23/03/2012, la tariffa di cui alla prima categoria della TOSAP PERMANENTE è stata incrementata sino al limite massimo previsto dall’art. 44 del D.lsg 507/93, per un importo pari ad € 65,590, con conseguente aumento delle misure tariffarie previste per ciascuna categoria e fattispecie impositiva.

– Con il suddetto incremento tariffario si è previsto di introitare un gettito presunto di € 866.400

CONSIDERATO CHE

– Da uno studio condotto da Confartigianato, a Palermo alla fine del III trimestre 2012 l’Artigianato contava 16.413 imprese.

Nei primi tre trimestri del 2012 ci sono state 864 iscrizioni e 1.067 cessazioni che hanno generato un saldo negativo di 203 imprese artigiane.

Nel lungo periodo che va dal I trimestre 2007 al III trimestre 2012 le iscrizioni di imprese artigiane sono state complessivamente 5.584 e le cessazioni 7.468, pari ad un saldo negativo di 1.884 imprese artigiane.

– Secondo i dati divulgati da Confcommercio, ciò che più dà il senso della gravità e della pesantezza della crisi a Palermo è rappresentato dal numero delle imprese con procedure concorsuali fallimentari, 2.988, e in stato di liquidazione, 5.231, imprese destinate alla chiusura.

Rischiano di sparire dal nostro tessuto produttivo altre 8.219 imprese, poco più del 10 per cento delle imprese attive che si aggiungeranno a quelle che hanno già chiuso i battenti (1.369) e a quelle che hanno già portato i libri in tribunale (95).

A Palermo il 70 per cento delle imprese giovanili, femminili e di immigrati nate nel 2011 hanno chiuso nel 2012.

Le piccole e medie imprese palermitane rappresentano per numero di addetti circa duecentomila famiglie, quindi, secondo le dichiarazioni del Presidente di Confcommercio, pubblicate su La Repubblica del 29 Gennaio 2013: grazie alle PMI imprese “il 16% dei palermitani ha un lavoro, oggi messo e rischio da una situazione drammatica, che tuttavia sembra finora lasciare indifferente, se non a parole, la classe politica".

RILEVATO CHE

– E’ divenuto necessario ripensare al sistema di imposizione fiscale dell’impresa evitando di adottare sempre misure a “taglia unica”, in modo da dare respiro a quelle categorie produttive, come artigiani, piccoli commercianti, ambulanti, addetti ai mercati tipici locali (ad esempio, il Mercato delle pulci o gli antiquari di Piazza Marina), che in ragione dell’attuale situazione economica vedono inesorabilmente assottigliarsi i loro volumi d’affari.

– Rilevata la necessità di affrontare la battaglia per la ripresa dell’economia locale.

IL CONSIGLIO COMUNALE

si impegna e impegna

IL SINDACO, LA GIUNTA E GLI UFFICI COMUNALI

Ad adottare tutti i provvedimenti utili e necessari a dare vita ad una riforma della regolamentazione in materia fiscale che sia realmente equa, e soprattutto finalizzata alla crescita, nel rispetto delle compatibilità di bilancio, secondo le seguenti linee guida:

1. Attivare un piano anticrisi complessivo con la collaborazione delle altre istituzioni e dei soggetti produttivi che amplifichi la portata della Deliberazione di G.M. n. 10 del 28 gennaio 2013 avente ad oggetto: ”Istituzione tavolo di concertazione per crisi aziendali”.

2. Mobilitarsi nei confronti della Regione e del Governo nazionale affinché si impegnino con maggiore incisività a favore del territorio, promuovendo nelle sedi competenti le azioni volte a ridurre l’imposizione Irap, ad esempio, mediante un progressivo incremento della franchigia ed una progressiva eliminazione del costo del lavoro dalla base imponibile.

3. Ridurre la pressione fiscale sulle piccole e medie imprese, sia commerciali che artigiane, previa revisione degli attuali regolamenti in materia, con sollecita realizzazione dei seguenti punti:

3.1 Rimodulare la Deliberazione n. 40 del 23/03/2012 con cui è stata incrementata la TOSAP sino al limite massimo previsto dall’art. 44 del D.lsg 507/93, differenziando l’aumento delle misure tariffarie previste per ciascuna categoria e fattispecie impositiva, riducendo, in prima istanza, la TOSAP a carico delle micro e piccole imprese, sia commerciali che artigiane in modo da ricondurla nel bilancio di previsione del 2013 ai livelli antecedenti alla suddetta deliberazione.

3.2 Bloccare all’aliquota minima di legge, il versamento dell’IMU sugli immobili strumentali all’attività delle piccole e medie imprese, considerando che si tratta di beni che non rappresentano una forma di accumulo di patrimonio (visto che la Legge di stabilità n. 228 del 24.12.2012 dà al Comune la facoltà di aumentare ma non di diminuire l’aliquota standard) e, al contempo, promuovere presso il Governo nazionale l’abbattimento delle aliquote IMU sui suddetti immobili (individuando con apposito regolamento i relativi requisiti), considerato che tali beni subiscono già una tassazione attraverso il loro concorso alla produzione del reddito d’impresa.

3.3 Ridefinire il tributo rifiuti (ex TARSU/TIA ora TARES), strutturando un nuovo sistema tariffario che rappresenti al meglio la reale produzione di rifiuti delle varie categorie economiche e capace di rispondere ai principi comunitari, primo fra tutti quello del "chi inquina paga".

  1. Sostenere la capacità finanziaria delle imprese

Le PMI e l’artigianato hanno sempre più difficoltà di accesso al credito e sempre meno capacità di fronteggiare il loro fabbisogno finanziario.

È quindi necessario:

4.1 Modernizzare il sistema dei pagamenti, dando piena attuazione al dlgs 192/2012, che recepisce la direttiva europea 2011/7/UE sui tempi di pagamento nelle transazioni commerciali con la Pubblica Amministrazione.

4.2 Agevolare l’accessibilità al credito attraverso la promozione di “protocolli d’intesa” con la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Palermo, la Provincia di Palermo e gli Istituti di Credito ai fini dello smobilizzo presso gli Istituti di credito firmatari dei crediti vantati nei confronti del Comune di Palermo dalle piccole imprese, artigiane e commerciali locali.

4.3 Regolamentazione dell’accesso al microcredito per lo startup delle PMI commerciali ed artigianali, con particolare attenzione alle nascenti imprese giovanili, femminili e di immigrati.

4.4 Favorire i processi di internazionalizzazione delle imprese promuovendo l’adesione alla rete europea per l’internazionalizzazione istituita dalla Commissione Europea (http://ec.europa.eu/small-business/index_it.htm).

Tra le più promettenti potenzialità della nostra città su cui investire, la nostra “identità” occupa sicuramente una delle prime posizioni per l’affermazione internazionale dei nostri prodotti e servizi che vanno dunque tutelati e valorizzati con determinazione, ricordando che anche il Turismo è una forma di internazionalizzazione.

4.5 Rinnovare ed ampliare l’attività d’informazione sui finanziamenti europei a supporto della piccola e media impresa, con particolare attenzione ai programmi di finanziamento nazionali ed europei volti a favorire la creazione e lo sviluppo delle imprese giovanili, femminili e di immigrati.

TENUTO CONTO CHE

In ragione dell’attuale crisi, che investe anche le risorse a disposizione dello stesso Bilancio comunale, ogni intervento potrà essere concretamente realizzato soltanto nel rispetto degli equilibri di bilancio. Sarà pertanto necessario potenziare le azioni di contrasto all’elusione e all’evasione fiscale come missione inter-istituzionale coinvolgente tutti i livelli di governo. Tuttavia, in un contesto nel quale si rende necessario sollecitare la massima coesione sociale, il fenomeno dovrà essere perseguito in modo sistematico e selettivo:

Ø Il recupero dei proventi derivanti dalla lotta all’evasione potrà essere quindi, destinato alla riduzione del carico fiscale, favorendo, di conseguenza, il rilancio dell’economia.

In questo contesto, l’obiettivo da perseguire dovrà essere dunque quello di definire un nuovo “patto fiscale”, sulla cui base stabilire che il gettito derivante dal recupero di risorse evase possa essere destinato ai cittadini e alle aziende,

VISTO

-D.L. n. 203 del 2005, “Misure di contrasto all’evasione fiscale e disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria”, l’art. 1, stabilisce che per potenziare l’azione di contrasto all’evasione fiscale, i comuni hanno titolo ad una quota di partecipazione all’accertamento fiscale pari al 30 per cento delle somme riscosse a titolo definitivo relative a tributi statali.

– D.lgs. n. 23 del 2011 “Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale”, l’incentivo economico è stato portato al 50%.

– D.L. 138/2011 “Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo”, l’incentivo è stato poi elevato per il triennio 2012-2014 al 100% delle somme erariali recuperate con il concorso del Comune.

L’incentivo si calcola ora sulle riscossioni intervenute anche in via provvisoria, laddove soggette a procedimenti di contenzioso.

IL CONSIGLIO COMUNALE

si impegna e impegna

IL SINDACO, LA GIUNTA E GLI UFFICI COMUNALI

Ø Ad aderire e dare pronta esecuzione al Protocollo d’intesa siglato il 15 giugno 2012 tra la Regione Sicilia, l’Anci Sicilia e L’Agenzia delle Entrate al fine di impegnarsi, ciascuno nell’ambito delle rispettive competenze, ad individuare le modalità, gli strumenti e le soluzioni atti a favorire, nel più breve tempo tecnicamente possibile, la concreta partecipazione del Comune di Palermo all’attività di recupero dell’evasione dei tributi erariali.

Ø E, nell’ambito di un generale processo virtuoso di contenimento della spesa pubblica, reperire ulteriori risorse attraverso:

– Riduzione della spesa scaturente dai fitti passivi sugli immobili, locati da terzi privati e utilizzati dal Comune (uffici, scuole comunali etc) , ritenendo di poter utilizzare per attività pubbliche il patrimonio immobiliare comunale e, laddove possibile, gli immobili confiscati alla mafia.

– Riduzione della spesa scaturente dalla formazione incontrollata dei debiti fuori bilancio, in applicazione dei principi di legalità e trasparenza, a cui tutti i procedimenti amministrativi devono attenersi, da attuarsi in ossequio ai reiterati inviti della Corte dei Conti a risolvere l’annoso problema.

La consigliera

Avv. Nadia Spallitta




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits