full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

L’agenda dell’antimafia a cura di Anna Puglisi e Umberto Santino

agenda_antimafia.jpg

agenda_antimafia.jpg27 novembre

 

1920. A Gibellina (Trapani) viene ucciso l’arciprete Stefano Caronia, organizzatore della sezione locale del Partito popolare, che aveva contrastato la mafia chedendo di controllare personalmente l’esazione dei censi enfiteutici ecclesiastici. Stefano Caronia si può considerare uno dei "preti sociali" che operavano nel primo ventennio del Novecento, in seguito alla nascita di una "dottrina sociale" della Chiesa cattolica, il cui primo atto è l’enciclica Rerum novarum del papa Leone XIII. La figura più nota dell’ompegno sociale e politico ecclesiastici è il sacerdote Luigi Sturzo, di Caltagirone (Catania), fondatore del Partito popolare.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits