full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Irpef, ultimo assalto

L’Irpef sarà la protagonista indiscussa stasera, tra barricate, emendamenti, prevedibili scontri verbali e prevedibilissime situazioni di tensione. Sarà una lunga e movimenta serata, in quel di Palazzo delle Aquile. La seduta del consiglio comunale sull’annullamento dell’addizionale Irpef voluto dalla giunta è fissata alle 19. Così, mentre voci di corridoio riportano il dibattito all’ipotesi di presentazione della mozione di sfiducia, al Palazzo sono già iniziati i pronostici sul ‘totoconsiglio’.
“Temo molto l’ostruzionismo di quella parte di consiglio comunale vicina a Cammarata” dice il capogruppo dei democratici, Davide Faraone. “La situazione critica in cui versa il Comune – aggiunge Nadia Spallitta, Un’Altra Storia – dipende anche dai 200 milioni di euro (che rientrano nei Fas, ndr) destinati al Comune di Palermo e bloccati alla Regione. Questo stallo è l’emblema del malgoverno che imperversa a livello regionale, le cui conseguenze ricadono poi sulle spalle dei contribuenti, ai quali viene imposto l’aumento delle tasse”. E ancora, Fabrizio Ferrandelli, Idv, rincara: “La seduta di questa sera sancirà il verdetto tra chi sta col popolo e chi, invece, sta dalla parte delle ruberie di questa amministrazione”.
“Se si arriverà al voto – tranquillizza Mimmo Russo, Mpa – l’annullamento dell’addizionale Irpef riuscirà a passare. Una cosa è certa: qualunque forma di ostruzionismo non porterà nulla di buono”.
Così, mentre tra l’opposizione si tende ad essere ottimisti, il presidente del consiglio comunale Campagna pronostica una seduta che “sicuramente sarà particolarmente calda. Sugli esiti, che dire? Sono stati presentati oltre 1000 emendamenti, dai gruppi Pdl e Udc. Mi pare difficile che l’annullamento del raddoppio dell’addizionale Irpef riesca a passare”.
Provando a sentire la voce di chi ha presentato gli oltre 1000 emendamenti, il capogruppo del Pdl Giulio Tantillo dice: “Qui il problema non sono certo gli emendamenti, che sicuramente non sono stati presentati per fare ostruzionismo. Le delibere presentano delle irregolarità, tra cui la mancata trasmissione delle stesse alle circoscrizioni e soprattutto l’assenza del parere da parte della commissione bilancio”. E Doriana Ribaudo, capogruppo Udc, aggiunge: “Di certo la percentuale di aumento dell’addizionale Irpef non è stata scelta arbitrariamente dalla giunta. Al contrario, si tratta di conti fatti a partire dalle spese immediate che bisogna affrontare, come il pagamento degli stipendi. Non ci rimane che difendere questo provvedimento”. Sarà una lunga serata.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits