full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

COMUNI:PALERMO; SPALLITTA(IDV), PROGETTO MULTISALA DEVE ESSERE SOTTOPOSTO AL CONSIGLIO

nadiaspallitta_foto_cdg.jpg

nadiaspallitta_foto_cdg.jpgPRESENTATA INTERROGAZIONE PER ESAME A SALA DELLE LAPIDI
PALERMO, 16 FEB –  “La realizzazione della multisala cinematografica nell’ex stabilimento Coca Cola a Palermo, con annessi ristoranti, bar e sale gioco in un’ area di 40 mila metri quadrati, e’ una scelta politica e urbanistica di programmazione del territorio di stretta competenza del Consiglio comunale”. Lo dice il vice presidente del Consiglio comunale di Palermo Nadia Spallitta, che ha presentato un’interrogazione per chiedere che il progetto per la realizzazione di 12 sale cinematografiche con 3 mila posti a sedere, parcheggi annessi e aree verdi, venga sottoposto all’esame di Sala delle Lapidi. “Non e’ pensabile – prosegue – che, senza una preventiva decisione politica in tal senso, dei tecnici decidano di rilasciare concessioni edilizie in grado di incidere sull’assetto del territorio, determinando una trasformazione urbanistica complessa e un cambiamento della destinazione d’uso dell’area, che da industriale  diviene commerciale”.  “Tutto  questo infatti determina un incremento del carico urbanistico- aggiunge – e anche sotto il profilo del traffico veicolare, a mio avviso, questa scelta avrebbe dovuto essere sottoposta alle valutazioni di Sala delle Lapidi, dato che l’assetto viario gia’ destinato ai dipendenti dello stabilimento ex Coca Cola, dovra’ supportare un flusso veicolare piu’ gravoso. L’area in cui sorgeva la fabbrica rientra nella tipologia D1 e per questo tipo di zonizzazioni e’ prevista la ristrutturazione, ma non sembra che sia consentita la demolizione e la ricostruzione (intervento imposto dal Genio Civile) per il quale a mio avviso si ricadrebbe nella tipologia D2 (o ristrutturazione urbanistica), che impone ancora una volta l’adozione di piani esecutivi da parte dell’ organo consiliare”. “Ho predisposto l’interrogazione  – conclude –  per fare luce sull’intera vicenda, chiedendo che l’intero progetto venga sottoposto al Consiglio comunale, consentendo dunque all’organo competente di esprimere valutazioni politiche e di adottare le procedure delle opposizioni e osservazioni che in materia urbanistica la legge prevede, consente e tutela”.
Nadia Spallitta – Vice presidente vicario del Consiglio comunale di Palermo




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits