full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

COMUNI:PALERMO, SPALLITTA, 90 MLN PIANO PER LE CITTA’, SI UTILIZZINO ANCHE PER RECUPERO COSTA SUD

nadiaspallitta_foto_cdg_copy_copy_copy_copy_copy_copy.jpg
 
   

nadiaspallitta_foto_cdg_copy_copy_copy_copy_copy_copy.jpg

PALERMO, 26 FEB – ‘‘La legge 134 del 2012 ha previsto la predisposizione di un Piano nazionale per le Citta’, rivolto alla riqualificazione di aree urbane particolarmente degradate, anche attraverso un contratto di valorizzazione urbana, che vede il coinvolgimento di partner privati. Nella  citta’ di Palermo si prevede la possibilità di un finanziamento per circa 90 milioni di euro’’. Lo rende noto il vice presidente vicario del Consiglio comunale di Palermo, Nadia Spallitta. “Tra le priorita’, indicate dall’attuale Amministrazione, vi e’ indubbiamente quello del recupero della costa – prosegue-. Numerose sono state, negli ultimi mesi le iniziative, anche promosse da comitati spontanei di cittadini, che hanno segnalato l’urgenza di interventi di riqualificazione nella costa Sud, quartieri Brancaccio – Sperone. Ritengo che il Piano nazionale delle citta’ possa essere, quindi, una importante occasione per interventi rivolti all’eliminazione del degrado urbano e ambientale, che caratterizza questa parte del territorio e che a tale processo possano partecipare, previa consultazione ed avvisi pubblici, i soggetti privati interessati a questo recupero, come sancito dalla legge”. “Queste risorse statali potrebbero essere utilizzate per interventi sull’intera costa Sud, presso la foce dell’Oreto e in mancanza di altri investimenti gia’ destinati in tal senso per il ponte Corleone- aggiunge- . Se e’ condivisibile la scelta dell’Amministrazione di destinare parte di queste risorse per interventi di edilizia residenziale nella zona dell’Albergheria, mi sembra meno interessante nel quartiere Brancaccio l’ipotesi, formulata dagli uffici, di utilizzare parte delle risorse del Piano per creare centri di accoglienza e case di cura per anziani o per riqualificare il solo Lido Olimpo, dal momento che si tratta di opere, che possono trovare altre fonti di finanziamento”.  “Inoltre – conclude -, trattandosi di specifici interventi su singoli immobili, limitati resterebbero gli effetti e la ricaduta sul territorio circostante e sulla costa, che manterrebbe la sua condizione di degrado. Auspico, pertanto, che l’Amministrazione possa rivedere per questa parte la sua posizione e utilizzi queste risorse per un recupero urbano diverso, come chiesto in piu’ occasione dagli stessi cittadini”.
 
Nadia Spallitta – Vice Presidente Vicario del Consiglio comunale di Palermo.

 

 
 
 
 
 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits