full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Ci sarà il Festino di Santa Rosalia?

 “A rischio il Festino di Santa Rosalia 2011?“. È l’interrogativo che ci siamo posti ieri, dopo la notizia della cancellazione, da parte della Regione, della festa popolare dal calendario delle manifestazioni di grande richiamo turistico.
Sull’argomento abbiamo contattato tre consiglieri conunali: Doriana Ribaudo (Pid), Stefania Munafò (Pdl) e Nadia Spallitta (Sel).
Doriana Ribaudo, capogruppo del Pid: “Sono certa che in un modo o in un altro troveremo una soluzione. Il Festino non si tocca. È un momento importante per i palermitani dal punto di vista economico, storico ma soprattutto dal punto di vista sociale. Il 14 luglio si manifesta quel grande spirito di appartenenza alla comunità palermitana che contraddistingue la nostra città. È un momento magico che supera ogni momento di difficoltà. Ancora una volta la Regione Siciliana ha mostrato il suo scarso interesse per la città di Palermo: basti ricordare anche la vicenda del Castello della Zisa. Vogliono mortificare la nostra città per beghe personali. I deputati palermitani dovrebbero preparare un documento di censura all’Assessore all’Economia. Questo non è un comportamento istituzionale né di Alta politica ma d’altronde è quello a cui assistiamo ormai da anni grazie a Raffaele Lombardo. Il Partito Democratico se ha davvero a cuore la città di Palermo sfiduci Lombardo, lui che utilizza ogni occasione per umiliare Palermo pur di andare contro Cammarata. Vorrei ricordare quanto tempo ha tenuto fermi i fondi ex Gescal, bel 47 milioni di euro, non apponendo la propria firma”.
Stefania Munafò, vicecapogruppo del Pdl: “Ritengo che non si possano fare questi tagli. La città ha diritto di festeggiare la propria Santa. È un momento religioso e turistico importante per Palermo e a nessuno si può consentire di cancellare dal calendario un evento così significativo in cui ancora il popolo palermitano crede. Quest’anno, per colpa di un’opposizione dissennata, non abbiamo potuto dare a Palermo un degno Natale e Capodanno, considerata la bocciatura del bilancio. Adesso la Regione decide di tagliare anche questa festa. Se questo è il modo di chiedere altri sacrifici ai cittadini palermitani, è il metodo sbagliato. Il Pd, visto che governa insieme a Lombardo, faccia la sua parte, non si limiti ai comunicati stampa”.
Nadia Spallitta (Sel): “Non condivido la scelta della Regione, che da un lato continua ad aumentare finanziamenti e ad ampliare la portata della cosiddetta tabella H, all’interno della quale operano soggetti che per quanto meritevoli sono comunque soggetti privati, arrivando ad assegnare cifre esorbitanti di 700 mila e 800 mila euro; dall’altro priva un’amministrazione pubblica di un sostegno necessario e indispensabile per una festa che rappresenta anche una tradizione e che , in un contesto diverso, potrebbe rappresentare occasione di turismo e di lavoro. Queste scelte si giustificano se vengono tagliate anche le spese superflue, vengono ridotte le indennità dei parlamentari, vengono ridimensionati e controllati gli enti di formazione, vengono eliminate le costose società para regionali, vengono riorganizzati e resi funzionali i servizi, etc etc, ed in generale se la Regione applica una vera politica di contenimento della spesa pubblica, cosa che invece non accade”.
Aggiornamento 9.41: Sono arrivate le rassicurazioni da parte del vicesindaco Marianna Caronia: ““Stiano tranquilli i palermitani: la Regione erogherà regolarmente il contributo per il Festino di Santa Rosalia 2011. L’ipotesi di un’esclusione dal calendario regionale dei grandi eventi aveva preoccupato anche me, ma ho ricevuto assicurazione dalla direzione del Dipartimento Turismo che nessun fatto spiacevole accadrà”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits