full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

AMIA, minoranza a gamba tesa

I gruppi consiliari del Comune di Palermo, Italia dei Valori, Partito Democratico e Un’Altra Storia hanno presentato la proposta di deliberazione di iniziativa popolare: Caso AMIA. Provvedimenti urgenti per impegnare il sindaco Diego Cammarata << ad agire – si legge nella nota dei consiglieri – utilizzando tutti gli strumenti necessari, come la querela, per tutelare gli interessi della città di Palermo e dei cittadini tutti, nell’inchiesta che vede coinvolti i vertici di AMIA>>…
Il centrosinistra di Palazzo delle Aquile si rivolge ai cittadini per raccogliere un minino di 2000 firme in modo da portare la discussione del caso AMIA in Consiglio, perché a detta dei consiglieri di opposizione <<si ha tutto l’interesse a non affrontare minimamente la questione e cercare di fare passare tutto in sordina>>…Dal 1990, come da regolamento comunale – spiegano i consiglieri di opposizione – è possibile fare le petizioni popolari che rappresentano uno strumento di partecipazione diretta. Questo è un altro modo per fare giustizia…Il reato che si ipotizza è quello di “false comunicazioni” e i titolari di querela possono essere, oltre al Comune, la stessa AMIA, i cittadini creditori e la Corte dei Conti.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits