full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

No ad un nuovo sacco di Palermo

Nadia Spallitta, consigliere comunale del gruppo Un’Altra Storia e componente della commissione urbanistica – ha dichiarato:
<<In riferimento alle dichiarazioni del collega Filoramo, relative al piano peep, desidero precisare che, se c’è stato qualcuno ad avere atteggiamenti “pilateschi” è stato proprio lui, in quanto non è neanche venuto in commissione a discutere dell’atto. Inoltre, il mio attuale voto di astensione , sarà un voto contrario in Consiglio se, dalla delibera, non scompare il riferimento alla necessità di costruire 7.000 alloggi. Si tratta, infatti, di una stima falsata in quanto riferita ad un censimento del 1991 che non tiene conto dell’edilizia da recuperare nel centro storico (circa 3.000 alloggi), degli alloggi sanati in questi anni (circa 3.000 alloggi), del decremento costante della popolazione. Non intendo, infatti, partecipare ad un ingiustificato nuovo sacco di Palermo che, questa delibera, se non viene emendata e modificata potrebbe determinare, anche perché, allo stato, non abbiamo alcuna certezza sull’effettiva volontà della maggioranza di salvaguardare il verde agricolo. A riguardo, temo anzi un colpo di mano della maggioranza che possa addirittura in aula incrementare il numero degli alloggi da edificare, distruggendo quelle residue aree di verde che già oggi rappresentano una percentuale molto bassa rispetto all’edificato. Inoltre, nella delibera non c’è menzione né censimento delle zone C previste dal vigente piano regolatore e non ancora utilizzate. Per cui, senza disconoscere la necessità di una programmazione peep, peraltro prevista per legge, la localizzazione di alloggi in aree C, laddove disponibili e che hanno già locazione edificatoria, consentirebbe interventi per edilizia residenziale senza arrecare altri danni al territorio e all’ambiente.>>




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits