full screen background image

Nadia Spallitta

Ultimo aggiornamento

Consiglio, Orlando presidente Alla Spallitta la vicepresidenza

Consiglio, Orlando presidente
Alla Spallitta la vicepresidenza
 
 Dalla riunione di Idv escono il nome del capogruppo, Aurelio Scavone, e i candidati alla presidenza del consiglio comunale, Totò Orlando (nella foto), e alla vicepresidenza vicaria, Nadia Spallitta. Pronti anche i nomi per la guida delle commissioni.
Totò Orlando presidente, Nadia Spallitta vicepresidente vicario e Aurelio Scavone capogruppo: sono queste le decisioni del gruppo consiliare dell’Idv, riunitosi nel pomeriggio alla presenza dei vertici del partito, e che saranno ufficializzate lunedì all’insediamento di Sala delle Lapidi. Anche se, almeno la nomina del capogruppo, è stata annunciata dai dipietristi con un comunicato stampa.

Nomi che sorprendono ma fino a un certo punto, visto che sono tra quelli circolati con più insistenza nelle ultime settimane e che sono stati al centro di un doppio incontro, uno andato di scena ieri pomeriggio e durato diverse ore e un secondo, tenutosi questo pomeriggio, e durato appena un paio. Decisioni in cui, a detta dei presenti, non c’è stata alcuna imposizione da parte del sindaco, Leoluca Orlando, ma solo un lavoro di raccordo del segretario provinciale, Pippo Russo, servito a mettere d’accordo un gruppo così numeroso, ben trenta consiglieri, di cui molti alla prima esperienza politica che si sono espressi praticamente all’unanimità.

Lunedì i nomi di Orlando e della Spallitta saranno ufficialmente presentati all’Aula e affronteranno la votazione del consiglio, anche se i numeri schiaccianti della maggioranza fanno presagire un’elezione certa e senza problemi. Chi avrà problemi, a questo punto, saranno le opposizioni che non potranno più godere di entrambe le vicepresidenze, come ipotizzato in un primo momento, ma dovranno accontentarsi della seconda e trovare un accordo trasversale oppure andare alla conta. Niente da fare, quindi, per il centrista Giulio Cusumano e per la democratica Teresa Piccione, fedelissima di Giuseppe Lupo, dati in pole position per la vicepresidenza vicaria nel quadro di un’alleanza Idv-Pd-Udc alle Regionali che però, dopo la mancata sfiducia a Lombardo, si mette tutta in salita. Un brutto colpo per Lupo e D’Alia, che adesso dovranno cercare una possibile maggioranza in Aula che però si prospetta difficile.

Democratici, centristi e ferrandelliani sono in tutto nove, Francesco Scarpinato compreso: troppo pochi contro gli 11 di Pdl, Grande Sud, Mpa e Cantiere popolare che sono al lavoro per trovare una sintesi comune. Il tutto dando per scontato che la maggioranza non voglia intromettersi e determinare, con i propri numeri schiaccianti, l’elezione di un nome gradito. In pista ci sarebbero Giulio Tantillo del Pdl, Felice Bruscia del Pid e Mimmo Russo dell’Mpa.

Tornando all’Idv, l’unica scelta comunicata ufficialmente è quella del capogruppo Aurelio Scavone, che sarà affiancato da due vice, Tony Sala e Pierpaolo La Commare, e da due segretari d’Aula, ovvero l’uscente Salvatore Calò e Serena Bonvissuto, 25 anni, vicecoordinatrice cittadina dei giovani dipietristi. “E’ una grande responsabilità – dice Scavone – sono stato votato all’unanimità da tutti i consiglieri e non potevo che accettare”. "Sono soddisfatto del risultato della riunione con i consiglieri comunali che desidero ringraziare per la loro ampia disponibilità a ricoprire ruoli e incarichi nell’esclusivo interesse della città e dei palermitani – ha commentato Pippo Russo, che ha partecipato all’incontro insieme al segretario regionale Fabio Giambrone e al responsabile nazionale enti locali Ignazio Messina – possiamo garantire ai cittadini che lunedì, giorno dell’insediamento dei consiglieri, si procederà, compatti e senza rinvii, per rispetto dell’Istituzione e dei palermitani, alla elezione del presidente e dell’Ufficio di presidenza".

Si voteranno in un secondo momento, invece, le presidenze e vicepresidenze delle sette commissioni consiliari. Anche se, nella riunione di oggi, è trapelata una lista di massima che dovrà passare dal voto dell’Aula, ma anche in questo caso i numeri sarebbero schiaccianti. All’Idv andranno quindi le presidenze, mentre le vicepresidenze saranno assegnate alle opposizioni. Nessuno spazio, quindi, per Pd e Udc, dati come interlocutori privilegiati e destinatari di qualche poltrona fino alla spaccatura a livello regionale.

La lista provvisoria vede Loris Sanlorenzo, ex consigliere della Rete, alla Prima commissione (Affari generali); l’uscente Paolo Caracausi alla Seconda (Attività produttive); il consigliere provinciale uscente, Luisa La Colla, alla Terza (Aziende); Giusy Scafidi, anche lei consigliere provinciale uscente, alla Quarta (Sanità); il coordinatore cittadino di Idv, Fausto Torta, alla Quinta (Cultura); l’uscente Alberto Mangano alla Sesta (Urbanistica) e Francesco Bertolino, tra i fondatori di Addiopizzo, alla più importante, la Settima (Bilancio). Scelte che, se da un lato premiano tutti gli uscenti, dall’altro lasciano spazio a donne e giovani a prescindere dall’esperienza politica.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Credits